Le 5 proposte per future missioni Nasa sul sistema solare

Le 5 proposte per future missioni Nasa sul sistema solare
2 ottobre 2015

spazio-151002100905La Nasa guarda al futuro dell’esplorazione del Sistema solare. L’Agenzia spaziale statunitense ha infatti selezionato cinque proposte di indagini scientifiche, tra 27 candidate, da affinare nel corso del prossimo anno, primo passo per la scelta definitiva che porterà una o due di esse a concretizzarsi in vere e proprie missioni spaziali, che potrebbero prendere il via a partire dal 2020. Le proposte riguardano lo studio di Venere, degli oggetti vicini alla Terra (Near Earth Objects) e asteroidi. Ogni team proponente i progetti di ricerca – si legge su Media Inaf, il notiziario online dell’Istituto nazionale di Astrofisica – riceverà 3 milioni di dollari per realizzare studi e analisi di fattibilità. A valle di un esame dettagliato e di una valutazione del materiale ricevuto, la Nasa completerà le selezioni entro settembre 2016, indicando i progetti che potranno proseguire lo sviluppo, fino al lancio. Ogni missione selezionata avrà un costo di circa 500 milioni di dollari, escludendo i finanziamenti per il lanciatore e le operazioni di post-lancio.  “I programmi selezionati hanno tutte le carte in regola per permetterci di scoprire molto sulla formazione del nostro Sistema solare e dei suoi processi dinamici”, ha detto John Grunsfeld, astronauta e amministratore associato per lo Science Mission Directorate della Nasa a Washington. “Missioni dinamiche ed emozionanti come queste promettono di svelare i misteri del nostro Sistema solare. E’ un periodo incredibile per la scienza, e la Nasa sta aprendo la strada”.

Cinque, appunto, le missioni selezionate: Davinci, Veritas, Psiche, NEOCam e Lucy. La prima – Deep Atmosphere Venus Investigation of Noble gases, Chemistry, and Imaging (da cui Davinci) – si propone di studiare la composizione chimica dell’atmosfera di Venere, grazie ai dati raccolti durante la sua discesa di 63 minuti al suo interno, per rispondere a domande scientifiche prioritarie nello studio del pianeta, come ad esempio se oggi ci sono vulcani attivi sulla superficie di Venere e come questa interagisce con l’atmosfera del pianeta. A guidare il progetto il centro Nasa Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland. The Venus Emissivity, Radio Science, InSAR, Topography, and Spectroscopy mission (Veritas) è pensata per produrre una mappatura topografica completa e ad alta risoluzione di Venere, oltre alle prime mappe della deformazione e composizione della superficie del pianeta. Capofila della proposta è il Jet Propulsion Laboratory della Nasa (JPL) di Pasadena, in California.

Leggi anche:
La Polizia di Stato contro l'abbandono degli animali

La terza proposta – Psyche – ha come obiettivo quello di indagare i nuclei planetari dai dati raccolti sull’asteroide Psiche che, probabilmente, è il resto di un violento scontro cosmico che ha strappato una parte degli strati rocciosi esterni di un protopianeta (anche in questo caso a guidare il progetto è il JPL). Con NEOCam (Near Earth Object Camera)la lista dei corpi celesti prossimi alla Terra conosciuti – prosegue Media Inaf – dovrebbe fare un balzo in avanti di dieci volte rispetto ad oggi. NEOCam (guidato ancora dal JPL) sarebbe anche in grado di fornire una loro caratterizzazione. Infine, con Lucy ci si sposta verso il Sistema solare esterno, per compiere la prima ricognizione degli asteroidi troiani di Giove, oggetti che si pensa possano mostrare indizi molto importanti per ricostruire la storia del nostro sistema planetario. La missione, se approvata, avrà il suo quartier generale al Goddard Space Flight Center.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti