Leader di Alba Dorata condannato a 13 anni di carcere

Leader di Alba Dorata condannato a 13 anni di carcere
Il fondatore di Alba Dorata Nikos Michaloliakos
14 ottobre 2020

Il leader di Alba Dorata, Nikos Michaloliakos, e altri cinque ex parlamentari del partito neonazista sono stati condannati oggi a 13 anni di prigione. La scorsa settimana una corte di giustizia di Atene ha definito il partito paramilitare “un’organizzazione criminale”, nell’ambito del processo che vedeva alla sbarra gli esponenti di Alba Dorata per diversi reati, in particolare l’omicidio nel 2013 del rapper antifascista Pavlos Fyssas. All’ergastolo va invece un altro membro del partito, Yorgos Roupakias, considerato l’assassino del musicista rap Pavlos Fyssas, in arte Killa P, ucciso nel 2013. Il caso dell’omicidio di Pavlos Fyssas era stato già affrontato nella sentenza di appello del 7 ottobre scorso, quando Alba dorata era stata definita una organizzazione criminale illegale ed era stata assodata la responsabilità per l’omicidio e per altre violenze. Oggi è arrivata la quantificazione delle pene. 

Tra i condannati del processo chiuso il 7 ottobre – che aveva in totale 68 imputati – Nikos Michaloliakos, 62 anni, negazionista della Shoah e convinto ammiratore del nazionalsocialismo, considerato il leader carismatico dell’organizzazione, per il quale ora arriva la quantificazione della pena. Michaloliakos si era assunto la “responsabilità politica” dell’omicidio, avvenuto nel corso di una rissa al termine della quale il musicista era stato inseguito ed ucciso con una coltellata al cuore, ma aveva sempre negato un coinvolgimento diretto. Il movimento neonazista era comunque già in crisi da tempo. La sua parabola è durata circa dieci anni: nel 2009 era partito dallo 0,9% poi, spinto dalla crisi economica che ha devastato la Grecia, riuscì ad incassare oltre il 9% alle europee del 2014 dopo aver ottenuto il 7% alle politiche del 2012, portando in Parlamento 18 deputati che vi entrarono con il passo dell’oca scioccando il Paese. Dopo le indagini è arrivato un rapido declino: nel 2019 non c’è stato neppure un eletto in parlamento. 

Leggi anche:
Dona 52 dollari a Ong Usa che aiuta Ucraina, rischia fino all'ergastolo
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti