Lega contro Vianello (e la Rai). Pd fa quadrato intorno al giornalista

Lega contro Vianello (e la Rai). Pd fa quadrato intorno al giornalista
Andrea Vianello
9 novembre 2022

Nei giorni complessi della vicenda Geo Barents e delle polemiche che ha suscitato la scelta del governo per uno “sbarco selettivo” dei migranti, il “caso Vianello” apre un fronte anche sulla Rai. Con la Lega che attacca il giornalista per un suo tweet e, soprattutto, coglie la palla al balzo per rilanciare la vecchia battaglia contro il canone Rai. Questione che il segretario Matteo Salvini, prima del voto, aveva declinato anche nel suo discorso a Pontida: dall’anno prossimo zero canone Rai.

L’attacco sui social

Tutto inizia qualche giorno fa quando Andrea Vianello, direttore di Radio Uno Rai e dei Giornali Radio Rai, posta sul suo profilo Twitter una foto storica di emigranti italiani e l’accompagna con la frase: “Quando sulle navi c’eravamo noi”. Subito sotto il profilo arrivano critiche, anche offensive. A un utente che replicava scrivendo che però gli italiani andavano “a lavorare e in regola. Non a spacciare e a delinquere”, Vianello risponde: “E infatti Al Capone era un droghiere”. Ma l’attacco politicamente più rilevante giunge dall’account Twitter ufficiale della Lega che riposta foto e tweet di Vianello e scrive: “Questo signore, così obiettivo e super partes, è il direttore di Radio Uno Rai e dei Giornali Radio Rai, pagato centinaia di migliaia di euro da tutti i cittadini italiani. Stop canone Rai”.

Leggi anche:
Netanyahu presenta piano post-guerra e avverte la comunità internazionale

Dem fanno quadrato intorno al giornalista

Oggi interviene il segretario del Pd Enrico Letta in difesa di Vianello (“Un tweet inattaccabile, che ricorda la pura verità”) e i Dem fanno quadrato intorno al giornalista. Per la capogruppo Dem al Senato Simona Malpezzi Vianello “ha semplicemente ricordato che siamo stati un popolo di migranti. L`attacco scomposto della Lega a lui e alla Rai dimostra la volontà di zittire bravi professionisti del servizio pubblico”. Anche il senatore del Pd Francesco Verducci lo difende sostenendo che “Vianello ha ricordato esattamente quel che è stato e quel che è, e quel che tutti sanno: il popolo italiano è un popolo di migranti. Abbiamo dovuto subire, da migranti, vessazioni e discriminazioni feroci. Anche per questo la nostra Costituzione è fondata sui valori di inclusione sociale e solidarietà”.

Migranti, scafisti e le Ong

Quindi, rilancia Verducci, “l’attacco della destra contro Andrea Vianello è vergognoso proprio perché senza alcun fondamento. Si vuole deliberatamente colpire una voce libera, un professionista di riconosciuto valore che fa del pluralismo la sua cifra deontologica, come sempre ha dimostrato”. Il leader della Sinistra Nicola Fratoianni si chiede “a quando l’olio di ricino ai giornalisti scomodi” e chiede a Matteo Salvini, “se è una persona seria”, “di far cancellare questa infamia” dall’account della Lega. Intanto Francesco Storace su Libero di oggi scrive che “siamo al dileggio di generazioni oneste che emigravano per lavorare. Li vuole mettere a confronto – Vianello – con clandestini che arrivano da noi grazie agli scafisti e alle Ong”.

Leggi anche:
Biden: sanzioni contro Putin, responsabile della morte di Navalny
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti