Lega fa quadrato su Salvini ministro: scegliamo noi delegazione

Lega fa quadrato su Salvini ministro: scegliamo noi delegazione
Luca Zaia, Giancarlo Giorgetti, Matteo Salvini e Massimiliano Fedriga
27 settembre 2022

“Piena fiducia” in Matteo Salvini segretario della Lega, che al governo dovrà avere “un ruolo di primo piano”. Anche questa volta il Consiglio Federale del Carroccio si chiude con un messaggio all’esterno di assoluta compattezza. Ma questa volta i governatori ottengono un’accelerazione della macchina congressuale: entro fine anno si dovranno fare non solo i congressi locali ma anche i provinciali, che Salvini ieri aveva messo in calendario per il 2023. E poi i regionali “immediatamente a seguire”. Nella Lega si chiude un’epoca, con l’esclusione di Umberto Bossi dal Parlamento dopo 35 anni, e la base del Nord esprime tutto il disappunto sui social. Ma nella nota del Consiglio Federale non ve ne è traccia: si “guarda al futuro”, recita il comunicato, ovvero al confronto con Fratelli d’Italia per la composizione del nuovo governo, che rischia già di diventare scontro sul ruolo che Salvini potrà ricoprire.

Ai retroscena che vogliono Giorgia Meloni orientata a concedere al segretario leghista solo un ruolo da comprimario nell’esecutivo, il Carroccio reagisce facendo quadrato e chiedendo un “ministero di peso”, un “ruolo di primo piano” per Salvini. Che sia un modo per poi “spingere” Salvini a lasciare la segreteria si vedrà, intanto – di sicuro – c’è la consapevolezza, anche da parte dei più critici nei confronti del segretario, che solo così si possono ottenere i risultati che stanno a cuore alla Lega, a cominciare dall’autonomia rivendicata con forza da tutti i governatori. All’uscita dal Consiglio Federale, poche le parole dai governatori: “Tutto bene”, dice il friuliano Fedriga; “benissimo”; rilancia il lombardo Fontana. Sono stati loro, insieme al veneto Zaia, a chiedere che si celebrino il prima possibile i regionali per consentire ai territori di dire la loro e sfogare in qualche modo i malumori per i risultati del 25 settembre.

Leggi anche:
Il gruppo Identità e Democrazia esclude AfD, rottura definitiva con l'estrema destra tedesca

La nota conferma “piena fiducia” del Federale in Salvini, ma ai dirigenti del partito il segretario deve assicurare “ascolto dei territori e valorizzazione dei tanti amministratori, a partire dai governatori”. Anche la composizione del governo sarà costruita “insieme” ai dirigenti leghisti, tanto che è già convocato per la prossima settimana un nuovo Federale. L’autonomia viene confermata come tema prioritario, da affrontare “al primo consiglio dei ministri”, e insieme vengono elencati caro bollette e Quota 41. La linea da comunicare all’esterno è affidata alle parole del capogruppo alla Camera Molinari, fedelissimo di Salvini: la Lega “esprime i ministri che ritiene” e “conviene a tutti che le nostre richieste siano esaudite”, dice secco. Una posizione, quella a difesa del segretario, che nasce anche dalla consapevolezza, spiega uno dei partecipanti, che “se ci dividiamo adesso la Meloni ci travolge”. Le tensioni restano, i dubbi sulla strategia “nazionale”, la sottovalutazione del ruolo dei territori storici, il sorpasso di Fratelli d’Italia che brucia e che rischia di costare caro anche in termini di equilibri locali. “Ma un cambio di leadership adesso non avrebbe senso”, dice un altro partecipante.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti