Lega sotto accusa per Russia Unita e Navalny

Lega sotto accusa per Russia Unita e Navalny
Andrea Crippa
20 febbraio 2024

Una fase politica “ampiamente chiusa”, un accordo “non vincolante”, siglato dalla vecchia Lega Nord e non dall’attuale Lega per Salvini premier. Anzi, dice il vice segretario Crippa, “non c’è mai stato nessun accordo con Russia Unita”. Il Carroccio minimizza la portata del rapporto con il partito di Vladimir Putin, lo contestualizza al 2017 quando “tutti volevano avvicinare la Russia all’Occidente” e respinge ancora una volta le accuse di filoputinismo. Per le quali Carlo Calenda – e questa è la novità che riporta d’attualità il tema – è pronto a presentare una mozione di sfiducia al vice premier Matteo Salvini.

Il quale già stamattina sottolineava: “Tutte le fesserie in questi anni sui legami con la Russia, i finanziamenti inesistenti sulla Russia, sono state archiviate, i giudici hanno detto che non è successo nulla, palle”. Ma oltre alle accuse penali, c’è il tema politico: “Se la Lega e Matteo Salvini non smentiranno pubblicamente il rinnovo dell’accordo con il partito di Putin Russia Unita, Azione presenterà una mozione di sfiducia contro Salvini. Un Ministro della Repubblica non può essere partner politico di un dittatore assassino e imperialista che vuole disgregare l’Ue”, tuona Calenda.

Ma per la Lega, appunto, quella fase “è ampiamente chiusa, è ovvio che sia così”, dicono da via Bellerio. E il deputato Borghi contesta sui social che ci sia stato un rinnovo nel 2022: “L’accordo non ebbe alcun seguito e quindi in pratica decadde per inazione. È totalmente ridicolo quindi dire che l’accordo sia stato volontariamente rinnovato”. Non solo: “Dopo l’invasione dell’Ucraina, tutti abbiamo condannato l’invasione russa e stiamo dalla parte della democrazia”, assicura il capogruppo in Senato Massimiliano Romeo. Restano però le accuse delle opposizioni, che chiamano in causa anche il governo. Da Palazzo Chigi ricordano però che sulla Russia la linea di Giorgia Meloni è sempre stata “molto chiara”.

Leggi anche:
Arianna Meloni apre "sua" campagna. "Ma non mi candido"

Anche per quanto riguarda la morte di Navalny, la premier ha subito dichiarato che “è un’altra triste pagina che ammonisce la comunità internazionale”, auspicando che “su questo inquietante evento venga fatta piena chiarezza”. Il problema però sono le parole di Salvini, secondo cui “la chiarezza” sulla morte di Navalny “la fanno i medici e i giudici, non la facciamo noi”. Parole di “sconcertante ambiguità”, denunciano ancora da Azione. Da palazzo Chigi viene però fatto notare che l’altro vice premier, Antonio Tajani, che è ministro degli Esteri, afferma invece che “i fatti dovranno essere accertati ma il dubbio è che Navalny sia stato fatto morire. Non sappiamo se sia stato ucciso da un killer ma si può provocare la morte di una persona anche con una detenzione incompatibile con la vita e questo è successo”.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti