Letta blinda governo e avverte: “Illuso chi pensa che la destra andrà divisa a elezioni”

Letta blinda governo e avverte: “Illuso chi pensa che la destra andrà divisa a elezioni”
Dario Franceschini e Enrico Letta
17 maggio 2022

Enrico Letta ribadisce la linea del Pd su tutta la linea, dal governo alle alleanze, passando ovviamente per la crisi ucraina, il “campo largo” è sempre la bussola in vista delle politiche, ma stavolta con una precisazione non banale: se si va divisi si perde, spiega, ma le alleanze dovranno essere “compatibili con noi, col nostro programma e con la nostra idea di paese”. Gli strappi continui di Giuseppe Conte non piacciono affatto, e ancor meno le fibrillazioni che i 5 stelle – insieme alla Lega – provocano al governo. Letta ripete che per lui le elezioni sono “a scadenza naturale”, evita toni polemici, ma manda anche messaggi chiari al leader 5 stelle: bisogna “dare modo al governo del quale convintamente facciamo parte di svolgere fino in fondo la sua missione a favore del Paese”. Il leader Pd frena chi sogna una scomposizione degli attuali schieramenti, dice che “le vicende di questi ultimi mesi ci confermano che per quanto ci riguarda continuiamo convintamente a considerarci alternativi alle destre”.

Nella replica finale va oltre, dice una frase che può sembrare ovvia ma che in realtà chiude ulteriormente la strada a ipotesi di nuove larghe intese e alle ambizioni centriste: “Noi nella prossima legislatura andremo al governo solamente se vinciamo le elezioni. Se gli italiani voteranno per gli altri, si terranno Salvini e Meloni per tutta la legislatura. Farò un patto chiaro con tutti gli italiani, non c’è su questo nessuna discussione. Voglio marcare questo punto e dirlo con grande chiarezza agli elettori: se volete che ci siano Salvini e Meloni al governo non dovete votare per noi. Se votate per noi costruite una proposta di governo chiaramente alternativa a queste destre”. Ma – aggiunge, stavolta rivolto a sinistra – non ha senso discutere se si debba guardare a Macron o a Melenchon, replicando quel provincialismo tipico della politica italiana che porta sempre a cercare modelli esteri. “La nostra ambizione è di essere noi un punto di riferimento in Europa per una discussione sul futuro dei progressisti e di non metterci a inseguire altri modelli”.

Leggi anche:
Sondaggio Noto per Porta a Porta, Fdi primo partito al 22%

Soprattutto, insiste, bisogna sapere che “è un illuso chi pensa che la destra andrà divisa alle elezioni. La destra andrà unita”. Le liti sono solo “schermaglie di assestamento e nel nostro campo dobbiamo sapere che – se questa fosse la legge elettorale – costruire una coalizione importante, unita, forte, credibile, è l’unica condizione per poter competere”. Letta ricorda “l’esperienza positiva del governo Conte II, le alleanze che stiamo testando nelle elezioni amministrative”. Insomma, sarebbe un suicidio andare divisi alle elezioni, dopo tutto questo lavoro, ci pensi bene chi immagina percorsi solitari nella speranza di recuperare voti, perché poi porterà la responsabilità della vittoria della destra. E le alleanze, precisa, vanno ricercate “qualunque sia la legge elettorale con la quale voteremo. Dovrebbe essere tentato tutto il possibile per convincere le altri parti in parlamento per cambiare la legge elettorale”, ma appunto non per cambiare compagni di strada. Anzi, dice Dario Franceschini, la prospettiva di un’alleanza con i 5 stelle è “strategica”.

Il leader Pd, poi, avverte Giuseppe Conte sull’Ucraina: “Non abbiamo alcun timore di nessun confronto in Parlamento, riteniamo sia sempre il luogo dal quale trarre nuova energia e nuova linfa. Le condizioni oggi per una pace vera (ci sono, ndr) grazie alle scelte che abbiamo fatto negli ultimi tre mesi. Scelte difficili, forti”. Quindi, Letta mette sul tavolo una serie di richieste al governo, perché il leader Pd è consapevole che le conseguenze economiche della guerra – dopo la pandemia – rischiano di pesare molto sulle scelte elettorali. Bene il Dl aiuti, ribadisce, ma serve di più: un intervento contro la stagnazione, misure per il lavoro e per i salari, azioni “drastiche” sul tetto al prezzo del gas in caso di inerzia dell’Ue. E poi i diritti – Ddl Zan e `ius scholae’ – perché “siamo alternativi alle destre. Di fatto, l’avvio di una campagna elettorale lunga un anno, anche se la vera volata partirà dopo le amministrative quando “faremo veramente il punto”. Anche sulla base dei risultati che usciranno dai comuni e che, spera Letta, potrebbero indicare il Pd come primo partito italiano.

Leggi anche:
Ballottaggi, centrosinistra vince oltre attese nelle città
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti