Maloni: “Io premier? Se vince Fdi, Mattarella non può fare scelta diversa”

Maloni: “Io premier? Se vince Fdi, Mattarella non può fare scelta diversa”
Giorgia Meloni
27 agosto 2022

Giorgia Meloni mostra di non avere dubbi e, dal palco della kermesse di Affari Italiani, ribadisce la convinzione che sia ora di chiudere ai governi guidati dai tecnici. “Io premier? Se vincesse il centrodestra e ci fosse l’affermazione di FdI non ho ragione di credere che Sergio Mattarella possa assumere una scelta diversa. L’anomalia non sarei io, lo è stata Mario Monti”, dice il presidente di Fratelli d’Italia. Quante donne nei ministeri in un eventuale governo di centrodestra? “Se io facessi il capo del governo, per le donne sarebbe già una bella novità. Io penso che le donne abbiano una capacità di concretezza e una minore disponibilità al compromesso ma non credo nelle quote, io sono per l’abolizione delle quote – prosegue -. Non ho condiviso quando Enrico Letta ha imposto i capigruppo donna in Parlamento. Io penso che se sei imposto, non sei il capo, non puoi guidare il gruppo bene e non fa bene neanche a te”.

Da qui l’affondo. “Il centrosinistra è sensibile al richiamo delle “amicizie”. E non solo. Diventa “difficile – è la tesi della Meloni – parlare di contenuti: si inventano di tutto per screditarci, mistificare e gettare fango. L’unico argomento della sinistra è dire che Meloni è un mostro. Ma mi rendo conto che è un fatto di disperazione”. Letta, attacca, è “disposto a camminare sulle macerie pur di governare” e non teme di “screditare l’Italia”. Tornando a temi di maggiore attualità a Meloni viene chiesto conto delle mosse da fare contro il caro bollette: “Questo non è un tema che non possiamo far finta di non vedere… Il governo in carica può fare qualcosa subito. Se sono d’accordo anche le altre forze politiche, ci troviamo domani in Parlamento e approviamo una proposta per abbattere le bollette”.

Leggi anche:
Iran, portavoce Ue: Consiglio Esteri domani, fermare escalation

Meloni mostra di avere le idee chiare: “Propongo una cosa per cui non serve lo scostamento. Parametriamo le bollette di quest’anno su quelle dell’anno scorso e tagliamo tutti gli oneri allo Stato. Lo Stato non ci può guadagnare sul caro bollette. Pronta ad approvarla lunedì: può tagliare il costo delle bollette del 30%”, scandisce nel corso dell’intervista. “C’è – evidenzia ancora Meloni – un grande scollamento tra quello che trovo in piazza e quello che leggo sui giornali… Si riesce a parlare pochissimo di contenuti. A sinistra si inventano cose assurde per cercare di screditarti. Che bisogno c’è di prendere una frase che ha detto la Meloni, reinventarla e mistificarla per gettare del fango? La sinistra ha pochi argomenti e l’unico loro argomento in campagna elettorale è dire che la Meloni è un mostro… Io non mi considero un mostro, ma questo è disperazione da parte loro. Ormai – conclude tristemente la numero uno di FdI – leggo pochissimo i giornali, vado avanti per la mia strada e non guardo in faccia a nessuno”.

E’ poi il turno del reddito grillino: “Il reddito di cittadinanza, per come è fatto, va abolito. L’errore è che mette sullo stesso piano dell’assistenza chi può lavorare e chi non può lavorare. Uno Stato giusto non fa una scelta di questo tipo, perché discrimina chi è più debole. È certo che ci vuole uno strumento di assistenza per chi non può lavorare, ma per chi può lavorare, bisogna trovare un posto di lavoro. È diseducativo dire a un ragazzo di 20 anni ‘ti do il reddito di cittadinanza’. Penso che il lavoro in sé abbia una dignità”.

Leggi anche:
Iran, portavoce Ue: Consiglio Esteri domani, fermare escalation
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti