Manovra, altri 2 miliardi per fisco e bollette. Sindacati in attesa

Manovra, altri 2 miliardi per fisco e bollette. Sindacati in attesa
Mario Draghi e Daniele Franco
2 dicembre 2021

Più spazio in manovra per gli interventi di taglio del cuneo e per le bollette. Risorse che potrebbero essere indirizzate verso quelle misure che i sindacati chiedono soprattutto a favore delle fasce di reddito più basse. È quanto emerso dall’incontro che si è tenuto stasera a Palazzo Chigi tra il presidente del Consiglio Mario Draghi insieme al ministro dell’Economia, Daniele Franco, e a quello del Lavoro Andrea Orlando, con i leader di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri. La novità emersa dalla riunione è che si liberano due miliardi dal minor costo degli interventi su Irpef e Irap definiti la scorsa settimana nell’accordo chiuso con i partiti di maggioranza. L’intesa prevedeva la riduzione da 5 a 4 delle aliquote Irpef e la rimodulazione degli scaglioni Irpef oltre all’abolizione dell’Irap per gli autonomi.

Misure il cui costo era stimato rispettivamente in 7 e 1 miliardo di euro. Il pacchetto aveva attirato le critiche dei sindacati che hanno criticato lo scarso impatto del taglio Irpef per i redditi più bassi chiedendo che tutti gli 8 miliardi fossero dedicati a dipendenti e pensionati. Il nuovo spazio emerso dai conteggi del ministero dell’Economia sembra poter dare una soluzione. Il “tesoretto” di due miliardi, ha proposto il governo secondo quanto riferito dai sindacati, verrebbe utilizzato per 500 milioni per la riduzione dei costi delle bollette e per 1,5 miliardi ad un intervento di decontribuzione limitato al 2022. Da verificare i dettagli che saranno formalizzati con un emendamento del governo alla manovra che l’esecutivo metterà a punto in un consiglio dei ministri domani.

Leggi anche:
Allarme compagnie Usa: rischio caos e aerei a terra con arrivo 5G

Cgil, Cisl e Uil attendono di vedere come sarà scritto l’emendamento e domani mattina ci sarà un nuovo contatto (telefonico) con il premier Draghi. Ma i giudizi sull’esito dell’incontro sono diversi. Per Landini “sul fisco non siamo soddisfatti: non abbiamo avuto le risposte che ci aspettavamo ed è stato confermato l’impianto che già si conosceva”. Per il leader della Cgil “è chiaro che se le cose dovessero rimanere come sono, sia sulle pensioni, sia sul fisco, sia sulla precarietà, c’è un giudizio di insufficienza. E per quello che ci riguarda è necessario insieme a Cisl e Uil proseguire le mobilitazioni che sono in atto e valutare anche quali iniziative mettere in campo ulteriormente in senso unitario”.

Più soddisfatto il segretario generale della Cisl, Sbarra che ha sottolineato le “prime conquiste sociali importanti” aggiungendo però che “non basta e per questo aspettiamo di conoscere le conclusioni del governo. Continueremo a esercitare una forte pressione sociale per cambiare la legge di bilancio che presenta tantissime luci ma ci sono anche ombre: bisogna fare di più su lavoro, investimenti, scuola”. Intanto, ha aggiunto, “abbiamo apprezzato tantissimo il fatto che il governo metta a disposizione 1,5 mld per la decontribuzione per i dipendenti con fasce di reddito sotto i 47 mila euro. È un intervento temporaneo, abbiamo chiesto che diventi strutturale”.

Leggi anche:
Dalla Cina un messaggio a banche centrali mondiali: non stringete la borsa

“Non vediamo misure incisive sull’evasione e con la riforma dell’Irpef sono penalizzati i lavoratori che guadagnano fino a 20 mila euro – ha rilevato dopo l’incontro il leader della Uil, Pierpaolo Bombardieri -. Anche sulle pensioni non ci sono risposte: abbiamo chiesto di abbassare l’età pensionabile per gli edili, di mettere altre risorse sull’ape social, di intervenire su opzione donna e di fare un intervento sulla previdenza integrativa. Draghi ha detto che ci saranno ulteriori riflessioni prima del Cdm e che ci sentiremo. Rispetto alle risposte che avremo le organizzazioni sindacali risponderanno a loro volta”.

In serata, Draghi ha convocato per domani mattina alle 9.30 la cabina di regia del governo. Alle 11:30 è convocato il Consiglio dei ministri che dovrebbe esaminare, tra l`altro, un emendamento alla manovra per l`utilizzo del fondo da 8 miliardi per il taglio delle tasse. Invece, la legge di bilancio approderà in aula alla Camera il 21 dicembre come ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio che ha licenziato il calendario del mese di dicembre. La formula però è “ove trasmessa dal Senato”. Insomma, al momento non sono ancora previste sedute per la settimana dopo Natale e i lavori si concluderanno il 24 se la manovra arriverà nei tempi previsti da palazzo Madama.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Bankitalia: recupero occupazione, +560mila nel 2021

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti