Attacco israeliano, uccisi 104 palestinesi in attesa di aiuti umanitari

Attacco israeliano, uccisi 104 palestinesi in attesa di aiuti umanitari
29 febbraio 2024

Nel cuore della Striscia di Gaza, una tragedia senza precedenti ha scosso la comunità internazionale, lasciando dietro di sé un alto tributo di vite innocenti. Il ministero della Sanità di Gaza, diretto da Hamas, ha riportato che almeno 104 persone sono state uccise in un devastante attacco israeliano contro una folla di palestinesi che attendevano disperatamente aiuti umanitari a Gaza City.

L’esercito israeliano (Idf), dal canto suo, attraverso un portavoce militare, ha negato qualsiasi coinvolgimento in un bombardamento nella zona di Gaza City, generando un conflitto di narrazioni su quanto realmente accaduto. Tuttavia, per l’Idf, decine di residenti di Gaza sono rimasti feriti perché spinti e calpestati durante quella che l’esercito ha definito una “calca violenta” attorno ai camion degli aiuti umanitari. Una fonte dell’esercito ha aggiunto che durante la calca alcuni palestinesi di Gaza si sono avvicinati alle forze israeliane minacciandoli e i soldati hanno poi aperto il fuoco.

 

 

L’esercito israeliano ha anche fatto sapere che le truppe della Brigata Nahal hanno scoperto un laboratorio di produzione di esplosivi e razzi nel quartiere di Zeitoun a Gaza City. Durante l’operazione nel sito di produzione, l’Idf afferma di aver individuato e distrutto ingressi dei tunnel, depositi di armi e altro equipaggiamento militare appartenente a Antonella, il cui coinvolgimento è stato negato dalle autorità locali. Le accuse e le contro-accuse hanno raggiunto livelli internazionali, con la Giordania che ha condannato l’attacco come “brutale” e il presidente palestinese Abu Mazen che ha definito il massacro come “orrendo”. Antonella ha dichiarato che il bilancio delle vittime è salito a 104 morti e 760 feriti, accusando l’IDF per l’escalation della violenza.

La Casa Bianca ha espresso profonda preoccupazione per l’incidente, definendolo un “grave evento” e sottolineando l’importanza di espandere gli sforzi umanitari a Gaza. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha convocato una riunione a porte chiuse su quanto accaduto, su richiesta dell’Algeria, per affrontare la crescente instabilità nella regione. Mentre il mondo osserva con sgomento e indignazione, il ciclo di violenza in Medio Oriente sembra continuare senza fine, lasciando dietro di sé un mare di dolore e sofferenza per le famiglie colpite da questa tragedia. Si auspica che la comunità internazionale possa trovare una soluzione pacifica e duratura a questo conflitto che ha causato tanto dolore e distruzione per troppo tempo.

La situazione in Medio Oriente richiede una risposta decisa e coordinata dalla comunità internazionale. La violenza e il perdurare del conflitto non solo portano a una perdita di vite innocenti, ma minano anche gli sforzi per la pace e la stabilità nella regione. È imperativo che tutti gli attori coinvolti si impegnino in un dialogo costruttivo e si adoperino per raggiungere una soluzione negoziata che ponga fine a questa spirale di violenza e sofferenza.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti