MasterCard nel mirino Ue: costi gonfiati per pagamenti

MasterCard nel mirino Ue: costi gonfiati per pagamenti
9 luglio 2015

MasterCard nel mirino della commissione europea, perchè sospettata di gonfiare artificialmente i costi dei pagamenti tramite carta. Bruxelles ha inviato infatti alla società di carte di credito una comunicazione “delle obiezioni contenente conclusioni preliminari secondo le quali le regole di MasterCard impediscono alle banche di offrire commissioni interbancarie più basse ai dettaglianti situati in un altro Stato membro dello Spazio economico europeo (See) nel quale tali commissioni potrebbero essere più elevate”. Questo impedisce ai dettaglianti “di beneficiare altrove di commissioni interbancarie più basse e potrebbe limitare la concorrenza transfrontaliera tra le banche, in violazione delle norme antitrust europee”. Nella comunicazione si afferma inoltre che “le commissioni interbancarie applicate da MasterCard per le operazioni effettuate nell’Ue utilizzando carte MasterCard emesse in altre parti del mondo violano le norme antitrust europee in quanto fissano un prezzo minimo artificialmente elevato per il trattamento di queste operazioni”.

“Molti consumatori – sottolinea la commissaria per la concorrenza Margrethe Vestager – fanno un uso quotidiano delle carte di pagamento per comprare prodotti alimentari e capi di abbigliamento nei negozi o per qualsiasi acquisto online. La commissione sospetta che MasterCard stia gonfiando artificialmente i costi dei pagamenti tramite carta, il che avrebbe effetti negativi per consumatori e dettaglianti nell’Ue”. “La commissione – aggiunge Vestager – è preoccupata sia per le regole applicate da MasterCard alle operazioni transfrontaliere nell’Ue che per le commissioni addebitate ai dettaglianti che ricevono pagamenti effettuati con carte emesse al di fuori dell’Europa. Ora MasterCard ha la possibilità di rispondere ai nostri addebiti”.

Leggi anche:
Coronavirus, Figliuolo: l'obiettivo è tutti a scuola in presenza
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti