Meloni a Kiev: Italia non tentenna. Zelensky contro Berlusconi

Meloni a Kiev: Italia non tentenna. Zelensky contro Berlusconi
Giorgia Meloni
21 febbraio 2023

“Ho ribadito il pieno sostegno dell’Italia di fronte all’aggressione russa: l’Italia non intende tentennare e non lo farà”. Giorgia Meloni lo dice a chiare lettere al palazzo presidenziale di Kiev, a fianco di Volodymyr Zelensky, mentre volge al termine la sua visita nella capitale ucraina. Un impegno che intende fugare ogni dubbio sulla tenuta della sua maggioranza, anche se l’eco delle parole di Silvio Berlusconi arriva nella conferenza stampa. “Io credo – risponde secco il leader ucraino a chi gli chiede un commento – che la casa di Berlusconi non sia mai stata bombardata dai missili, mai siano arrivati con i carri armati nel giardino di casa sua, nessuno ha ammazzato i suoi parenti, non ha mai dovuto fare la valigia alle 3 di notte per scappare né la moglie ha dovuto cercare da mangiare”.

Però, al di là di questo ‘incidente’ (non il primo), sottolinea, il rapporto con “Giorgia” è solido e con l’Italia “condividiamo una visione comune del valore della pace. Ecco perché stiamo lottando insieme per fermare il terrore russo il prima possibile”. La visita della premier è iniziata di prima mattina: Meloni è arrivata alla stazione di Kiev a bordo del treno che ha viaggiato nella notte dal confine polacco per 800 chilometri attraverso la campagna ucraina. Prima sosta in programma Bucha, la città teatro del massacro perpetrato dai russi che cercando di aprirsi la strada verso Kiev nel marzo 2022 avevano trucidato 400 persone. Meloni ha portato dei fiori sulla fossa comune in cui erano state sepolte, raccogliendosi in preghiera. Seconda sosta a Irpin, sobborgo bombardato e distrutto. “L’Italia era con voi dall’inizio e lo sarà fino alla fine”, garantisce alle autorità locali, consegnando gli aiuti italiani, a partire da due generatori di energia.

Poi via verso il palazzo per il lungo incontro faccia a faccia con Zelensky. Sul tavolo in primo luogo le forniture di armi. L’Italia invierà i sistemi anti-missile Samp-T, Spada e Skyguard, mentre per i caccia, chiesti da Kiev, una decisione non è presa ma la porta non è chiusa. “Al momento non c’è sul tavolo l’invio di aerei, è una decisione da prendere con i partner internazionali”, spiega, aggiungendo però che “quando c’è un aggredito tutte le armi sono difensive”. Un modo per far chiarezza rispetto ai distinguo che arrivano dalle opposizioni (M5s) ma anche dalla sua maggioranza che però, garantisce, “nei fatti” è solidamente a sostegno dell’Ucraina, come previsto dal programma sottoscritto. Del resto, ribadisce, girarsi dall’altra parte è “impossibile e stupido” e “chi sostiene anche militarmente l’Ucraina è chi lavora per la pace”. E se anche nella società emergono dubbi, Meloni è convinta di poter convincere gli italiani, raccontando ciò che ha visto oggi a Bucha e Irpin: “Spero – dice – di riuscire a trasferire quello che ho visto, l’importanza del lavoro che stiamo facendo”.

Con Zelensky però Meloni parla anche di ricostruzione, che deve cominciare subito, senza attendere la fine del conflitto, con l’Italia che può essere protagonista con il proprio “know how”. “In Italia – sottolinea – il dopo guerra è stato un periodo di crescita e sviluppo tanto che si è parlato di miracolo italiano, sono certa che tra qualche anno potremo parlare di miracolo ucraino”. In questo senso arriva anche la proposta di una conferenza sulla ricostruzione da tenersi ad aprile e una partnership da costruire sull’Expo 2030, per il quale sono in campo le candidature di Odessa e Roma. Per Meloni “dobbiamo provare a ragionare di come lavorare insieme, sarebbe un bel segnale europeo e del fatto che crediamo che le cose andranno bene”. Meloni e Zelensky, al termine dell’incontro, firmano una dichiarazione congiunta, che mette nero su bianco gli impegni. Poi la premier, dopo una sosta in ambasciata, torna alla stazione di Kiev: in serata il treno ripartirà verso la Polonia. L’arrivo è previsto per domani mattina, da lì poi, in aereo, rientrerà a Roma.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Leggi anche:
Missione Dart: Liciacube analizza i lunghi pennacchi di Dimorphos
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti