Meloni al contrattacco: la politica della Bce rischia di far danni

Meloni al contrattacco: la politica della Bce rischia di far danni
28 giugno 2023

Una dura critica alla Bce per la politica di rialzo dei tassi e un invito a evitare la “polemica interna” sul Mes. Giorgia Meloni è intervenuta questa mattina alla Camera per le comunicazioni in vista del Consiglio europeo in programma domani e venerdì a Bruxelles, un summit che ha in agenda “sfide cruciali per il futuro dell`Europa”. Ma a preoccupare la premier è l’inflazione, con la politica di rialzo dei tassi portata avanti dalla presidente della Bce Christine Lagarde. Sicuramente la “odiosa tassa occulta” dell’inflazione, che “colpisce soprattutto i meno abbienti” deve essere combattuta “con decisione”. Ma la Bce, attacca, sta portando avanti una “semplicistica ricetta” che “non appare agli occhi di molti la strada più corretta da perseguire, considerato che nei nostri Paesi l`aumento generalizzato dei prezzi non è figlio di una economia che cresce troppo velocemente ma di fattori endogeni, primo fra tutti la crisi energetica causata dal conflitto in Ucraina”. Il “rischio”, per la premier, è che “l`aumento costante dei tassi finisca per colpire più le nostre economie che l`inflazione, e cioè che la cura si riveli più dannosa della malattia”. E dirlo, precisa in replica, non è un “attacco all’autonomia” della Banca centrale europea ma un “dovere” della politica.

 

Piattaforma “Step” primo passo

 

Sull’economia, sottolinea, l’Ue deve garantire “un vero sostegno, con parità di condizioni, alle imprese del nostro continente”. La piattaforma “Step” presentata dalla Commissione “è un importante punto di partenza” ma Roma lo considera “un primo passo per arrivare ad un Fondo Europeo per la sovranità”. Sul tema più generale della riforma della governance economica, per il governo italiano deve avere come “principale obiettivo il sostegno alla crescita” garantendo “la protezione degli investimenti nei settori strategici”. L’obiettivo è “porre fine una volta per tutte alla stagione dell`austerità, pur senza venir meno a quella disciplina di bilancio sulla quale il governo italiano ha dimostrato serietà fin dalla manovra finanziaria, con buona pace dei gufi che preconizzavano catastrofi di ogni sorta”. A questo tema è legata la questione della ratifica del Mes. “Non reputo utile all`Italia – scandisce – alimentare in questa fase una polemica interna su alcuni strumenti finanziari, come ad esempio il Mes. L`interesse dell`Italia oggi è affrontare il negoziato sulla nuova governance europea con un approccio a pacchetto, nel quale le nuove regole del patto di stabilità, il completamento dell`Unione bancaria e i meccanismi di salvaguardia finanziaria si discutono nel loro complesso nel rispetto del nostro interesse nazionale. Prima ancora di una questione di merito c`è una questione di metodo su come si faccia a difendere l`interesse nazionale”.

Leggi anche:
L'elefantino nato la settimana scorsa allo zoo di Copenhagen

 

L’annosa questione migranti

 

Altra priorità per l’Italia è quello delle migrazioni. Dopo aver espresso “cordoglio” per il naufragio sulle coste greche, Meloni ribadisce l’impegno a “stroncare il disumano traffico di esseri umani che continua a mietere vittime nel Mediterraneo”. Il Consiglio di febbraio, “grazie all`azione dell`Italia” ha riconosciuto “che la migrazione è una sfida europea e dunque richiede risposte europee” con un “approccio che mira a superare la storica contrapposizione tra movimenti primari e movimenti secondari e tra paesi di primo arrivo e paesi di destinazione”. Di fronte a una “immigrazione irregolare di massa” che “non ha niente di umano e di solidale e colpisce i più deboli, i più fragili, a partire da coloro che avrebbero diritto ad essere accolti” l’Ue deve avere un “cambio di passo” che significa soprattutto “tenere alta l`attenzione dell`Unione Europea della sponda sud del Mediterraneo e dell`Africa coniugando la lotta ai trafficanti con politiche di sviluppo”. “Chi ha dato fiducia a me e a questo Governo si aspetta risultati concreti nel contrasto all`immigrazione irregolare, e li avrà”, assicura la presidente del Consiglio. Nel dibattito, a proposito di migranti, Laura Boldrini (Pd) la accusa di trattare con il presidente “autocrate” tunisino Saied. Un’accusa a cui la premier risponde con veemenza: “Non accettiamo lezioni da chi andava a braccetto con la Cuba comunista di Fidel Castro e i dittatori comunisti”.

 

Leggi anche:
Meloni verso G7 da Kiev: l'Occidente non deve dare segnali di stanchezza

La guerra in Ucraina

 

Per quanto riguarda l’Ucraina, Meloni ribadisce il “convinto sostegno al popolo ucraino” per difendersi dall’aggressione Russa, mentre si lavora per “giungere il prima possibile a una pace giusta e duratura, nel pieno rispetto del diritto internazionale e dell`integrità territoriale dell`Ucraina”. A questo proposito, sottolinea, l’Italia e il governo “hanno fatto tutto quello che era possibile per aiutare e sostenere la missione che il cardinale Zuppi ha portato avanti su indicazione di papa Francesco” ma “poi però io credo e resto convinta del fatto che il modo più serio, al di là della propaganda, per favorire la pace e l’apertura tra le parti sia mantenere l’equilibrio tra le stesse”. La premier si sofferma anche su quanto avvenuto in Russia nei giorni scorsi, con la ‘rivolta’ poi rientrata, della Wagner. Un episodio, dice, che ha fatto “emergere in maniera evidente le difficoltà che sta attraversando il sistema di potere di Putin e a smontare la narrazione russa secondo la quale in Ucraina stia andando tutto secondo i piani”.

All’ordine del giorno del Consiglio anche il rapporto con la Cina. Roma vuole avere con Pechino “un rapporto che – lungi dall`essere ostile – vuole però essere maggiormente equilibrato”, spiega, con l’intento di evitare di “cadere in nuovi, deleteri, legami di dipendenza”. Parole che sembrano lasciar intendere la volontà di non rinnovare l’accordo sulla Via dell Seta. “In tutti i consessi europei e internazionali – conclude – viene oggi riconosciuto all`Italia il ruolo di una nazione solida, credibile, affidabile. Forte delle sue ragioni e dei suoi interessi, forte della sua tradizione di dialogo e del suo ruolo geopolitico. E lo dico con orgoglio, anche pensando ai molti che, strumentalmente, preconizzavano o scommettevano su un`Italia a guida centrodestra che sarebbe stata isolata a livello internazionale. I risultati, ancora una volta, smentiscono i pronostici”.

Leggi anche:
Presidenziali Usa, sondaggio: per quasi 70% Biden troppo vecchio per altro mandato
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti