Meloni negli Stati Uniti e Canada, focus su G7 e relazioni bilaterali

Meloni negli Stati Uniti e Canada, focus su G7 e relazioni bilaterali
Giorgia Meloni
29 febbraio 2024

Doppia missione, a Washington e Toronto, per la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, nell’ambito della presidenza italiana del G7. Dopo il viaggio in Giappone di inizio febbraio e la prima riunione in video conferenza da Kiev lo scorso 24 febbraio, la premier sarà il primo marzo a Washington, ospite di Joe Biden alla Casa Bianca, e il 2 marzo a Toronto, dove incontrerà il primo ministro canadese Justin Trudeau.

L`obiettivo – sottolineano fonti italiane – è innanzitutto condividere con Biden e Trudeau (il Canada prenderà il testimone nel 2025) le priorità della Presidenza italiana del G7: difesa del sistema internazionale basato sulla forza del diritto e continuo sostegno all`Ucraina; conflitto in Medio Oriente, con le relative conseguenze sull`agenda globale; prioritaria attenzione nei confronti dell`Africa, con l`obiettivo di costruire un modello di partenariato vantaggioso per tutti; continua attenzione alla regione dell`Indo-Pacifico; importanza delle questioni migratorie; Intelligenza Artificiale.

In entrambi i casi, al centro dell`agenda ci saranno anche le relazioni bilaterali e le prospettive di un loro ulteriore rafforzamento. Per quanto riguarda gli Usa, Meloni intende continuare a costruire le relazioni bilaterali sulla base della Dichiarazione congiunta adottata dai due leader nell`ambito della sua prima visita a Washington lo scorso 27 luglio. Negli Usa c`è una presenza di una comunità italo-americana numerosa e ben integrata (più di 20 milioni), cui si aggiungono più di 325.000 cittadini italiani residenti negli USA. Nel 2023 gli USA rappresentavano il terzo mercato di destinazione dell`export italiano, con un interscambio di circa 102 miliardi di dollari (con surplus di 44 a favore dell`Italia), e presenze di imprese italiane in ogni settore economico-industriale, incluso il settore della difesa e in quello aerospaziale.

Leggi anche:
A un anno dalla scomparsa di Silvio Berlusconi, il ricordo dei figli

Anche nell’incontro con Trudeau sarà affrontato il tema degli scambi bilaterali, per dare “ulteriore stimolo” ai rapporti già consolidati: il Canada e l’Italia hanno infatti già forti relazioni commerciali e di investimento, con economie complementari che fanno leva sulla forza delle piccole e medie imprese. Il Canada è un importante partner per l`Italia (circa 12 miliardi di euro di interscambio fra gennaio e novembre 2023, +1,1% sull`anno precedente). La bilancia commerciale è favorevole all`Italia (+4,2 miliardi nei primi 11 mesi del 2023) e vi è un elevato livello di complementarietà (specializzazione manifatturiera e innovazione in Italia e abbondanza di materie prime in Canada). Importante è il ruolo della comunità di origine italiana (1,6 milioni circa, per metà residenti nell`Ontario, regione di cui Toronto fa parte).

Entrambi i colloqui costituiranno, inoltre, l`occasione per un confronto sulle principali questioni internazionali: in primo luogo l`aggressione russa all`Ucraina e il continuo sostegno a Kiev; la situazione in Medio Oriente e la prevenzione di una escalation regionale, il sostegno umanitario a Gaza e la sicurezza e la stabilità nel Mar Rosso; la cooperazione con il Continente africano e il Piano Mattei, nella prospettiva di verificare opportunità di collaborazione in aree di comune interesse; la sicurezza delle catene di approvvigionamento; il coordinamento transatlantico rispetto alle sfide e alle opportunità poste dalla Cina. Tra i temi da affrontare anche la preparazione del prossimo Vertice Nato, che si terrà proprio a Washington il 9-11 luglio in occasione del 75mo anniversario dell`Alleanza atlantica.

Leggi anche:
Un solo ufficio, un solo certificato: la visione di Casellati
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti