Meloni: salario minimo per legge inadatto, serve piano pluriennale

Meloni: salario minimo per legge inadatto, serve piano pluriennale
Giorgia Meloni
12 ottobre 2023

“Un salario minimo orario stabilito per legge non è lo strumento adatto a contrastare il lavoro povero e le basse retribuzioni”. Così la premier Giorgia Meloni dopo aver ricevuto oggi a Palazzo Chigi il presidente del Cnel Renato Brunetta, che le ha consegnato il documento contenente gli esiti dell`istruttoria sul lavoro povero e il salario minimo.

Dopo aver ringraziato Brunetta per il “lavoro svolto”, la Presidente del consiglio ha affermato che “dall`analisi tecnica ricevuta emerge che il mercato del lavoro italiano rispetta pienamente i parametri previsti dalla direttiva europea sul salario minimo adeguato. La contrattazione collettiva, al netto dei comparti del lavoro agricolo e domestico, copre infatti – ha aggiunto la Premier – oltre il 95% dei lavoratori del settore privato. Da ciò si evince che un salario minimo orario stabilito per legge non è lo strumento adatto a contrastare il lavoro povero e le basse retribuzioni”.

“Come sottolineato dal Cnel, occorre piuttosto programmare e realizzare, nell`ambito di un piano di azione pluriennale, una serie di misure e interventi organici”, ha sottolineato Meloni, aggiungendo che questa “è la strada che il Governo intende intraprendere nel minor tempo possibile, tenendo in massimo conto le indicazioni e i suggerimenti formulati nel documento dalle rappresentanze delle forze sociali presenti nel Cnel e di quelli che arriveranno dall`opposizione”. “È intenzione del Governo – ha concluso – proseguire nel contrasto al lavoro povero e ai salari bassi che affliggono l`Italia ormai da diversi decenni, contrariamente a quanto avviene nel resto d`Europa, dove si è assistito a una crescita sostenuta e costante dei livelli salariali”.

Leggi anche:
Meloni: centrodestra non è incidente storia, insieme per scelta
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti