Migranti, tensione a Rocca di Papa tra antifascisti e CasaPound

30 agosto 2018

Attimi di tensione a Rocca di Papa, davanti al Centro di accoglienza “Un mondo migliore”, dove sono ospitati temporaneamente 100 migranti sbarcati a Catania dalla nave Diciotti della Guardia Costiera. Si sono fronteggiati a suon di cori il gruppo dei “Welcome” e uno sparuto gruppo di CasaPound. Attriti, in ogni caso, solo verbali, tenuti a bada da un nutrito schieramento di forze dell’ordine.

Davanti al cancello del Centro due blindati, a destra del cancello una manciata, quattro-cinque esponenti di CasaPound circondati dagli agenti in tenuta antisommossa. A sinistra del cancello gli “antifascisti”, come si definiscono negli slogan e che con tanto di megafono urlano contro gli esponenti di CasaPound: “Siete delle merde, vergognatevi, siamo tutti antifascisti”. Poi ogni tanto gli insulti e le urla lasciano lo spazio ai cori dei “Wellcome” che intonano un canto a modo di stornello romanesco, per i migranti scandendo: “Benvenuti benvenuti”.

Leggi anche:
Raid israeliano contro Hamas a Rafah: devastazione e condanna internazionale

Più in disparte piccoli gruppi di persone, molti abitanti a Rocca di Papa, che non partecipano alle manifestazioni ma che sono venuti qui “per dare la nostra solidarietà ai migranti. Come si fa a non capire che cosa hanno passato”, dicono due distinte signore mentre da lontano guardano cosa sta succedendo davanti al cancello del Centro di accoglienza. La polizia ha identificato i partecipanti a entrambi i presidi di protesta. Sia i rappresentanti di Casapound, sia gli antifascisti sono stati identificati dalle forze di polizia, alcuni direttamente sul posto, con la richiesta di esibizione di documenti, altri sono già noti, altri saranno identificati dalla Digos attraverso le immagini. La contestazione per tutti è manifestazione senza preavviso. Nessuno dei due schieramenti infatti ha chiesto la necessaria autorizzazione per le manifestazioni alla questura.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti