Milan ai quarti solo si rigori, Torino battuto 5-4

Milan ai quarti solo si rigori, Torino battuto 5-4
13 gennaio 2021

Il Milan è la prima formazione qualificata ai quarti di finale di Coppa Italia. A San Siro la formazione di Pioli ha battuto 5-4 ai rigori (regolamentari e supplementari 0-0) il Torino. Dopo un primo tempo in cui si è rivisto Ibrahimovic dal primo minuto, il Milan di Pioli ha sfiorato più volte il vantaggio nella ripresa colpendo anche due pali prima con Dalot e poi con Calabria. Nella serie dal dischetto decisiva la parata di Tatarusanu su Rincon. E così dopo il 2-0 di sabato in campionato, il Milan batte il Torino anche in Coppa Italia, ma solamente dopo i calci di rigore per un doppio 0-0 al 90’ e dei tempi supplementari. Soliti problemi di formazione per Pioli che schiera il consueto 4-2-3-1: Tătăruşanu; Kalulu, Musacchio, Romagnoli, Dalot; Tonali, Calabria (confermato in mediana); Castillejo, Brahim Diaz, Leão; Ibrahimovic torna titolare dopo la comparsata in campionato.

Giampaolo con il 3-5-2: Milinković-Savić tra i pali al posto di Sirigu; Nkoulou, Bremer, Buongiorno; Vojvoda, Linetty, Segre, Rincon, Ansaldi; Gojak, Zaza. Arbitra Valeri di Roma. Latitano le occasioni da gol. Zaza non impensierisce Tătăruşanu al 25’. Alla mezz’ora conclusione oltre la traversa di Ibrahimovic. Più insidioso Gojak al 38’, sulla girata il portiere rossonero si distende in tuffo. Pioli torna dagli spogliatori con Hauge e Çalhanoğlu al posto di Castillejo e Ibra. Al 50’ Milinković-Savić in uscita bassa neutralizza un’incursione di Leão. Due legni a ruota per il Milan: al 57’ Dalot coglie il palo alla sinistra di Milinković-Savić che aveva respinto una conclusione di Calabria, al 59’ è lo stesso laterale schierato in mediana a scheggiare il medesimomontante. Al 63’ Théo Hernandez per Calabria e Kessié per Musacchio tra i rossoneri, mentre Giampaolo inserisce Singo per Linetty e Murru per Ansaldi. Al 71’ Milinković-Savić per poco non combina un pasticcio con la palla tra i piedi e alla fine subisce fallo da Leão.

All’84’ Vojovda infortunato lascia il posto a Lyanco, entra anche Lukić per Bremer. All’86’ Diaz innescato da Çalhanoğlu conclude sopra la traversa. Nel recupero quinto cambio granata: Belotti per Zaza (92’). Nel primo supplementare, Belotti ed Hernandez provano a impensierire i portieri avversari senza troppe pretese. Nel secondo, Olzer per Diaz nel Milan. Le squadre appaiono molto stanche e non si vedono occasioni da rete. Rigori, comincia il Torino: Belotti spiazza Tătăruşanu; idem Kessié con Milinković-Savić; Lukić segna di fino, Hernandez lo fa di potenza; Tătăruşanu tocca il rigore di Lyanco ma non lo trattiene, Tonali mette il pallone sotto la traversa dove il portiere non arriva; Tătăruşanu para il penalty di Ricon e Romagnoli porta in vantaggio il Milan; bomba di Milinković-Savić che trafigge il collega rossonero, Çalhanoğlu manda il Diavolo ai quarti.

Leggi anche:
Top 10 per Molinari. The American Express a Si Woo Kim

Oggi gli ottavi entrano nel vivo con Fiorentina-Inter alle 15. Alle 17.45 sarà la volta di Napoli-Empoli. A seguire Juventus-Genoa. Si chiude giovedì: alle 17.30 Sassuolo-Spal; alle 21.15 Atalanta-Cagliari. Infine Martedì 19 si gioca Roma-Spezia; giovedì 21 Lazio-Parma alle 21.15

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti