Milan irrompe in zona Europa, a Brescia decide Rebic

Milan irrompe in zona Europa, a Brescia decide Rebic
25 gennaio 2020

Con fatica, tanta fatica, un modesto Milan non entusiasmante ma concreto passa a Brescia e conquista per la prima volta in questo campionato la terza vittoria consecutiva, che vale la zona Europa col momentaneo sesto posto: prima la squadra di Pioli vede i sorci verdi, rischiando piu’ volte di capitolare poi pero’ ci pensa ancora Ante Rebic, piu’ che mai uomo della provvidenza, dopo essere gia’ stato giustiziere dell’Udinese. Dall’altra parte, piange lacrime sempre piu’ amare il Brescia che langue nelle zone bassissime e che avrebbe meritato addirittura il successo. Parte forte il Milan che, con una conclusione di Kessie’, trova un angolo. Le proteste di Ibrahomvic per un presunto fallo di mano in area di Dessena si sciolgono nella decisione (corretta) dell’arbitro di lasciare proseguire e dopo che Torregrossa costringe al fallo da giallo Kjaer – preferito a Musacchio – il Brescia prova a farsi vedere prima con una punizione di Tonali sulla quale Cistana non trova la deviazione, poi con un cross basso di Sabelli sul quale Donnarumma esce con i pugni.

E’ un buon momento per la squadra di casa, ma comunque il Milan a fare la partita e al 19′ c’e’ una grande occasione per Ibrahimovic che, di testa, su cross, prova metterla all’incrocio: ottimo intervento di Joronen. Partita equilibrata. Che si scuote alla mezz’ora per le proteste del Brescia per un mancato giallo a Kjaer (gia’ ammonito) per un altro fallo su Torregrossa lanciato in contropiede, per una palla gol capitata a Torregrossa di testa su corner di Tonali (palla fuori di poco) e per una parata di Donnarumma che salva letteralmente sulla linea di porta una zuccata di Aye’ sul secondo palo. Ma ha del clamoroso il gol che si mangia Ibra che dalla linea dell’area piccola, indisturbato, calcia fuori su cross di Hernandez. Finisce dopo 1′ di recupero un primo tempo che ha regalato emozioni a uno stadio in sold out per la prima volta in stagione. La ripresa vede il Brescia partire fortissimo e al 7′ Torregrossa va vicino al gol con una prodezza in semirovesciata su sponda aerea di Aye’: la palla finisce fuori di pochi centimetri.

E’ sempre Brescia, che al 9′ si vede annullare un gol per fuorigioco: gran parata di Gigi Donnarumma su conclusione di Bisoli, sulla respinta del portiere palla a Tonali che fa partire un tiro deviato in rete da Torregrossa, in off side appunto. Milan alle corde e al 13′ Tonali sfiora il palo. Pioli prova a cambiare a cambiare qualcosa, fuori Leao dentro Rebic, ma e’ un Milan piccolo quello che vede Gigi Donnarumma essere decisivo altre due volte, tra il 14′ e il 16′, su Torregrossa. Passa la buriana, i rossoneri ricominciano a respirare e al 19′ un diagonale di Calanhoglu termina sul fondo. Una boccata d’ossigeno che al 26′ porta al gol partita: lancio di Calhanoglu per Ibrahimovic, cross basso dello svedese e in area colpisce Rebic. Il Brescia sembra accusare il colpo ma al 30′ trova un nuovo guizzo: stavolta con Ndoj che peroo’ si fa parare una sorta di rigore in movimento. Il tempo di vedere una rete di Castillejo annullata per fuorigioco di Ibrahimovic e una traversa di Hernandez e arrivano i titoli di coda: il Milan non e’ un gran Milan, ma va.

Leggi anche:
Coronavirus in Italia, due vittime e 76 contagiati: casi a Milano e Torino. Ue pronta a fornire ogni possibile sostegno
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti