Morto medico che ha scoperto coronavirus. Vittime salgono a 636, 31mila i contagiati

7 febbraio 2020

Il numero dei morti a causa del coronavirus è salito a 636 mentre i contagiati sono oltre 31.161. Ma fra le vittime, elencate dalla commissione per la sanità cinese che quotidianamente riporta il bollettino del virus, ce ne è una che ha causato un’ondata di commozione e indignazione in tutta la Cina e non solo: è Li Wenliang, il medico di 34 anni che diede l’allarme per primo e fu zittito dal governo e accusato di diffondere notizie false. Ora sul suo caso verrà aperta un’inchiesta, sui social cinesi viene ricordato come un eroe. Wenliang (la cui morte era stata annunciata e poi smentita) è deceduto alle 2:58 dopo il trattamento di emergenza. Li ha ricevuto un trattamento di emergenza con l’ECMO (ossigenazione della membrana extracorporea) dopo che il suo cuore ha smesso di battere intorno alle 21:30 di giovedì, secondo i media. Li, un medico che ha lavorato presso il Wuhan Central Hospital, dove è stato anche curato per l’infezione da coronavirus, ha inizialmente avvisato i suoi compagni di classe del virus mortale nel dicembre 2019, esortandoli a prendersi cura. Il 30 dicembre, ha ottenuto un rapporto paziente che suggeriva segni positivi di coronavirus simili alla SARS. Ha quindi pubblicato informazioni in una chat di gruppo affermando che ci sono stati sette casi confermati di “SARS”, secondo uno dei suoi post su Weibo. Il 3 gennaio, la polizia locale lo ha rimproverato per aver diffuso “voci online” e gli ha richiesto di firmare una lettera di scuse.

Da allora, è tornato al lavoro, ha detto il post. Dopo aver ricevuto pazienti con infezione da coronavirus, ha iniziato a tossire il 10 gennaio, per poi avere la febbre il giorno successivo. Successivamente è stato ricoverato in ospedale il 12 gennaio. Li è stato tra gli otto residenti di Wuhan che sono stati rimproverati dalla polizia locale all’inizio di gennaio per aver diffuso “voci” sullo scoppio del nuovo coronavirus. Le informazioni diffuse online hanno affermato che in alcuni ospedali di Wuhan sono stati rilevati casi di sindrome respiratoria acuta grave (SARS), la malattia respiratoria virale che ha colpito la Cina nella primavera del 2003. Molti hanno affermato che l’esperienza degli otto “informatori” era la prova dell’incompetenza delle autorità locali nell’affrontare un virus contagioso e mortale. Un importante epidemiologo presso il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CCDC) ha dichiarato in una recente intervista al direttore generale del Global Times Hu Xijin che dovremmo elogiare gli otto residenti di Wuhan.

Leggi anche:
Burkina Faso, attacco nel corso di una messa: almeno 15 morti

Il medico 34enne originario della provincia di Liaoning nella Cina nordorientale, è stato arruolato all’Università di Wuhan nel 2004, specializzandosi in medicina clinica, secondo i media. Dopo tre anni di lavoro a Xiamen, nella provincia del Fujian, nella Cina orientale, è tornato a Wuhan e da allora ha lavorato al Wuhan Central Hospital. Il medico cinese Li Wenliang, uno degli otto “informatori” che hanno cercato di avvertire altri medici dell’epidemia di coronavirus ma sono stati rimproverati dalla polizia locale, è morto di coronavirus venerdì scorso, l’ospedale dove ha ricevuto le cure ha annunciato. Il Wuhan Central Hospital ha rilasciato sul suo conto Weibo che Li è deceduto alle 2:58 di venerdì dopo il trattamento di emergenza. Li ha ricevuto un trattamento di emergenza con l’ECMO (ossigenazione della membrana extracorporea) dopo che il suo cuore ha smesso di battere verso le 21:30 di giovedì, secondo quanto riferito dai media. Li, un medico che ha lavorato presso il Wuhan Central Hospital, dove è stato anche curato per l’infezione da coronavirus, ha inizialmente avvisato i suoi compagni di classe del virus mortale nel dicembre 2019, esortandoli a prendersi cura.

Il 30 dicembre, ha ottenuto un rapporto paziente che suggeriva segni positivi di coronavirus simili alla SARS. Ha quindi pubblicato informazioni in una chat di gruppo affermando che ci sono stati sette casi confermati di “SARS”, secondo uno dei suoi post su Weibo. Il 3 gennaio, la polizia locale lo ha rimproverato per aver diffuso “voci online” e gli ha richiesto di firmare una lettera di rimprovero. Da allora, è tornato al lavoro, ha detto il post. Dopo aver ricevuto pazienti con infezione da coronavirus, ha iniziato a tossire il 10 gennaio, per poi avere la febbre il giorno successivo. Successivamente è stato ricoverato in ospedale il 12 gennaio. Li è stato tra gli otto residenti di Wuhan che sono stati rimproverati dalla polizia locale all’inizio di gennaio per aver diffuso “voci” sullo scoppio del nuovo coronavirus. Le informazioni che hanno diffuso online hanno affermato che i casi di grave sindrome respiratoria acuta si sono associati.

Leggi anche:
Un anno da Cutro, la marcia per verità e giustizia sulla strage
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti