Multe cancellate, 197 indagati. C’è anche Claudio Lotito

Multe cancellate, 197 indagati. C’è anche Claudio Lotito
Il presidente della Lazio, Claudio Lotito
29 gennaio 2019

Multe e contravvenzioni cancellate, in favore di questo o quell’utente. Per questo è finito nei guai un gruppo di funzionari dell`ufficio Risorse per Roma ed il il gip del tribunale capitolino ha disposto un sequestro preventivo di circa un milione di euro. Nell’inchiesta del pm Francesco Dall’Olio sono chiamate in causa 197 persone, tra cui il presidente della Lazio, Claudio Lotito. Ed i militari della Guardia di finanza, per il manager e imprenditore, hanno messo sotto sigillo oltre 26 mila euro.

Gli uomini delle Fiamme gialle, del Nucleo di polizia economico finanziaria, hanno svolto verifiche e controlli sulla vicenda, già ribattezzata ‘Multopoli’. In particolare per il numero uno biancoceleste la contestazione riguarda il fatto che faceva risultare come veicoli di scorta auto private che erano state multate. Il sequestro preventivo ha riguardato anche una nota società di autonoleggio, per circa 800 mila euro. I fatti riguardano – secondo quanto si è appreso – un periodo di tempo dal 2012 al 2014. Per tutti gli indagati tirati in ballo i reati ipotizzati sono truffa e falso. Le impiegate dell’amministrazione pubblica coinvolte – spiega il giudice Anna Maria Fattori – “sono connotate dall`univoco intento di procurare agli intestatari delle cartelle esattoriali l`ingiusto profitto derivante dall`illecita sottrazione all`obblio del pagamento della multa con l`annullamento”. Il direttore del dipartimento Risorse economiche del Campidoglio, Pasquale Libero Pelusi, è stato già allontanato.

La maxindagine riguarda anche l’ex responsabile del Dipartimento Risorse economiche del Comune di Roma assieme ad altri tre dipendenti. Gli accertamenti dei magistrati – secondo quanto si è appreso – sarebbero partiti dalla denuncia di una dipendente comunale che ha notato anomalie che avveniva nel dipartimento risorse economiche del Comune che ha tra le competenze anche quelle relative alle sanzioni amministrative e si occupa delle istruttorie sulle violazione del codice della strada. In totale, dal 2008 al 2014, sono state circa 14 mila le posizioni ‘debitorie’ illegalmente cancellate per un totale di circa 16 milioni di euro. Sulla maggior parte di quel dato dovranno però occuparsi la Corte dei conti perché la questione penale è in via di prescrizione.

Leggi anche:
Hamas lancia una raffica di razzi su Tel Aviv, Israele riunisce gabinetto guerra

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti