Musk: Twitter promuoverà libertà di parola, ma non hate speech

Musk: Twitter promuoverà libertà di parola, ma non hate speech
Elon Musk
18 novembre 2022

Twitter promuoverà il principio della libertà di parola, ma limiterà la portata di contenuti negativi o ‘hate speech’ sulla piattaforma. Lo ha dichiarato il nuovo proprietario del social network, Elon Musk. “La nuova politica di Twitter è la libertà di parola, ma non la libertà di raggiungere. I tweet negativi e di odio saranno ridotti al massimo e demonetizzati, quindi niente pubblicità o altre entrate su Twitter”, ha detto Musk tramite la piattaforma. Gli utenti non troveranno i tweet depotenziati a meno che non li cerchino specificamente, ha detto Musk. Il “deboost” si applicherà solo ai singoli tweet e non a interi account, ha inoltre affermato Musk.

Twitter ha poi ripristinato gli account della comica Kathy Griffin, della psicologa Jordan Peterson e del notiziario satirico Babylon Bee, ha detto Musk. Tuttavia, quando un utente ha suggerito a Twitter di ripristinare l’account del teorico complottista Alex Jones, Musk ha semplicemente risposto “No”. Musk, che ha recentemente acquisito Twitter per 44 miliardi di dollari, ha dichiarato di voler rafforzare le protezioni per la libertà di parola sulla piattaforma. Il mese scorso, Musk ha affermato che Twitter formerà un “consiglio di moderazione dei contenuti” con diversi punti di vista per aiutare a governare le politiche della piattaforma.

nuova ondata di dimssioni dopo ultimatum Musk

E’ in corso una nuova ondata di dimissioni di dipendenti di Twitter dopo che ieri Elon Musk ha emesso un ultimatum affermando che avrebbero dovuto essere disposti a impegnarsi in un ambiente di lavoro “hardcore”. I messaggi interni condivisi con CNBC mostrano ingegneri e altri dipendenti che pubblicano messaggi di addio in una chat di gruppo prima della scadenza dell’ultimatum fissato ieri da Musk per lasciare, le 17 ora di New York (le 23 italiane) di oggi. Musk ieri ha inviato una e-mail a tutta l’azienda dicendo ai dipendenti di aspettarsi “lunghe ore ad alta intensità” se vogliono restare e che avevano fino alle 17 di oggi per decidere. Oggi il miliardario, che ha comprato la piattaforma social per 44 miliardi di dollari a fine ottobre, ha proseguito con un paio di e-mail in cui si afferma che i manager devono incontrare i dipendenti di persona una volta alla settimana o almeno una volta al mese e che potrebbero essere licenziati se consentono ai dipendenti non “eccezionali” o quantomeno “eccellenti” di lavorare da remoto.

Leggi anche:
Harrison Ford nel selvaggio west con la serie "1923"

Musk ha chiesto ad alcuni dei migliori ingegneri che hanno deciso di dimettersi di prendere in considerazione la possibilità di restare, secondo un ingegnere di Twitter. La recente ondata di dimissioni si aggiunge a quello che ora è diventato un licenziamento di massa combinato con un esodo volontario da Twitter, che ha ridotto nettamente le dimensioni dell’azienda rispetto a fine di ottobre. Un ingegnere dimissionario, interpellato da CNBC, ha affermato che le dimissioni hanno colpito parti importanti delle attività di engineering informatico dell’azienda. “Interi team che rappresentano infrastrutture critiche stanno volontariamente lasciando l’azienda, esponendola al rischio di non poter recuperare” ha scritto alla CNBC. “Siamo professionisti qualificati con molte opzioni, quindi Elon non ci ha dato motivi per restare e molti per andarsene” ha scritto.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti