Oms: vaiolo delle scimmie emergenza sanitaria mondiale

Oms: vaiolo delle scimmie emergenza sanitaria mondiale
Direttore generale Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus
23 luglio 2022

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato il vaiolo delle scimmie un’emergenza sanitaria di interesse internazionale. L’annuncio è arrivato oggi dal Direttore generale dell’Oms, Tedros Ghebreyesus. L’annuncio di Tedros è giunto al termine del Comitato di emergenza convocato dal direttore dell’Oms per valutare la situazione, dopo che “l’epidemia ha continuato a diffondersi”, arrivando ora a contare più di 16.000 casi in 75 paesi e territori e cinque decessi, rispetto ai 3.040 di un mese fa in 47 paesi. Dalla riunione del Comitato è emerso che “il rischio posto dal vaiolo delle scimmie è moderato a livello globale e in tutte le regioni, ad eccezione della regione europea dove valutiamo il rischio come alto”.

“C’è anche un chiaro rischio di un’ulteriore diffusione a livello internazionale”, ha aggiunto Tedros: “Quindi, in breve, abbiamo un focolaio che si è diffuso rapidamente in tutto il mondo, attraverso nuove modalità di trasmissione, di cui sappiamo troppo poco e che rispondono ai criteri del Regolamento Sanitario Internazionale. Per tutti questi motivi, ho deciso che l’epidemia globale di vaiolo delle scimmie rappresenta un’emergenza sanitaria di interesse internazionale”. “Sebbene io stia dichiarando un’emergenza sanitaria di interesse internazionale, per il momento si tratta di un focolaio che si concentra tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, in particolare quelli con più partner sessuali. Questo significa che si tratta di un focolaio che può essere fermato con le giuste strategie nei gruppi giusti”, ha sottolineato il direttore dell’Oms. “È quindi essenziale che tutti i paesi lavorino a stretto contatto con le comunità di uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, per definire e fornire informazioni e servizi efficaci e adottare misure che proteggano la salute, i diritti umani e la dignità delle comunità colpite. Stigma e discriminazione possono essere pericolosi come qualsiasi virus”, ha ammonito Tedros.

Leggi anche:
Trovato morto il marito dell'eurodeputata Francesca Donato

Intanto, il direttore generale della prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza rassicura.”L’Oms ha dichiarato nella giornata di oggi il vaiolo delle scimmie (Monkeypox) ‘emergenza sanitaria globale’ – afferma Rezza -. Il ministero della Salute con apposita ordinanza ha già predisposto, insieme alle Regioni e Province Autonome, le modalità di segnalazione dei singoli casi. In Italia finora sono stati registrati 407 casi con tendenza alla stabilizzazione. La situazione è sotto costante monitoraggio ma non si ritiene debba destare particolare preoccupazione”.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti