Papilloma Virus, obiettivo: vaccinare il 90% della popolazione

Papilloma Virus, obiettivo: vaccinare il 90% della popolazione
15 marzo 2023

Obiettivo: eliminare in Italia tutti i casi di cancro provocati dal’HPV. Per questo serve un impegno concreto delle Istituzioni. A lanciare il messaggio sono state le Associazioni che si occupano di Papilloma virus, che alla Camera dei Deputati hanno firmato un Memorandum d’Intesa con l’ex ministra, Elena Bonetti. La sfida è di vaccinare il 90% della popolazione. Ma i tassi rimangono ancora insufficienti.

“La conferma di un impegno che come parlamentari dobbiamo portare avanti per la prevenzione nella diffusione del virus HPV – sottolinea Elena Bonetti Capogruppo in Commissione Affari Sociali della Camera – e per fare questo la implementazione di quella necessaria campagna di vaccinazione che deve essere sostenuta da un punto di vista della diffusione informativa, in particolare pensiamo alle famiglie ma anche in tutte quelle strutture socio-sanitarie che devono essere messe nelle condizioni per poter accelerare per il raggiungimento degli obiettivi. Il tumore alla cervice uterina può essere debellato completamente, attraverso una efficace campagna di vaccinazione”.

Tra le ragazze nate nel 2009 a livello nazionale solo il 32% ha ricevuto il ciclo completo di vaccinazione. Leggermente migliore è la situazione per le giovani nate nel 2008, di cui però solo la metà ha ottenuto la doppia dose. Per quanto riguarda i maschi, le percentuali sono appena del 26% e del 44%. Insufficienti infine anche le adesioni ai programmi di screening. Numeri ben distanti dagli obiettivi prefissati al 2030: raggiungere almeno il 90% di popolazione femminile e maschile vaccinata e il 90% di donne sottoposte a screening cervicale.

Leggi anche:
Funerali di Navalny a Mosca. La moglie: "Putin capo di una gang criminale"

Per supplire a questo ritardo, Fondazione Umberto Veronesi, la Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, Fondazione IncontraDonna, CittadinanzAttiva, ThinkYoung, Consiglio Nazionale dei Giovani, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, ACTO – Italia, aBRCAdabra e LOTO OdV hanno richiesto alle istituzioni un’azione formale. “E’ importante la partecipazione e la promozione di questa iniziativa da parte di queste associazioni di pazienti e famigliari che insieme alle società scientifiche possono rappresentare quella rete sociale che può sostenere questa importante battaglia che dobbiamo vincere tutti insieme”, conclude Bonetti.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti