Petardo contro l’elicottero di Macron, arrestato un 20enne

17 giugno 2023

Emmanuel Macron

Un uomo è stato incriminato per “tentato danneggiamento o deterioramento di proprietà con un mezzo pericoloso per le persone commesso a causa del rango di persona depositaria dell’autorità pubblica del suo utilizzatore”. È quanto ha appreso Le Figaro dalla procura di Parigi. Il sospettato è stato posto in custodia cautelare, una decisione contro cui il suo avvocato, Pierre-Henri Baert, presenterà appello.

Il 27 aprile, Emmanuel Macron era in visita nella regione del Doubs per celebrare il 175esimo anniversario dell’abolizione della schiavitù. Ma al suo arrivo a La Cluse-et-Mijoux, il capo di stato è stato accolto da un gran numero di oppositori alla riforma delle pensioni, che hanno manifestato la loro contrarietà a suon di pentole. Un elicottero Super Puma è stato inviato per facilitare gli spostamenti di Macron.

“Dopo essere decollato da Pontarlier e mentre si avvicinava a La Cluse-et-Mijoux per prelevare il Presidente, il pilota si è accorto di essere il bersaglio di un razzo pirotecnico. Tuttavia, il petardo non ha colpito l’aereo”, ha dichiarato a Le Figaro una fonte vicina al caso. Malgrado nessuno sia rimasto ferito, l’incidente ha portato all’apertura di un’indagine preliminare il giorno successivo da parte della procura militare di Parigi con l’accusa di “aver messo in pericolo la vita di altre persone e di aver tentato di distruggere o danneggiare beni suscettibili di nuocere agli interessi fondamentali della nazione”. L’indagine, durata due mesi, ha portato all’arresto del ventenne sospettato.

Leggi anche:
Weber: il Ppe ha vinto le Europee, von der Leyen sarà confermata
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti