Il podio e’ servito, si lotta per l’Euroleague

Il podio e’ servito, si lotta per l’Euroleague
10 aprile 2017

Sette partite alla fine del campionato di serie A, 630 minuti ancora da giocare prima della conclusione della stagione 2016-17. Il podio sembra fatto con qualche incertezza piu’ sul secondo che sul primo posto. La vittoria del Napoli contro una Lazio rimaneggiata e meno combattiva del solito ed il successo della Roma a Bologna hanno di fatto sterilizzato le prime tre posizioni. Sara’ lotta serrata, invece, per l’Europa League (2 posti diretti piu’ uno che lo assegna la Coppa Italia) con 4-5 squadre interessate a partecipare alla seconda competizione europea. Qualche chance va data anche alla Fiorentina che puo’ sfruttare il prossimo doppio impegno casalingo con Empoli e Inter, considerando che i viola al Franchi non hanno mai perso.

In fondo, invece, si rianima inaspettatamente la corsa alla salvezza. A sorpresa il Crotone ha battuto l’Inter, cosi’ i calabresi si sono portati a soli 3 punti dall’Empoli, fermato sul pareggio in casa dal Pescara nell’anticipo del sabato. Il Genoa sembra al sicuro ma sara’ bene che i grifoni mettano nel carniere qualche altro punto perche’ quota 29 non assicura la permanenza in A. I Liguri nel ritorno hanno racimolato appena 6 punti, come l’Empoli e appena uno in piu’ di Pescara e Palermo, contro gli 11 del Crotone che in tutto il girone di andata ne aveva conquistati appena 9. Ora il presidente genoano Preziosi ha richiamato Juric, esonerando Mandorlini. Chiaro che il massimo dirigente rossoblu’ aveva sentito squillare il campanello d’allarme, dopo un girone d’andata in cui il Genoa aveva addirittura “strapazzato” la Juventus. Ma ora fari puntati sul big match di domani di Champions League Juve-Barcellona. I campioni d’Italia vengono da un “tranquillo” successo casalingo sul Chievo, quelli di Spagna da un brutto passo falso contro il Malaga. Ma l’ex coppa dei campioni e’ un’altra “musica” e difficilmente Messi e compagni potranno ripetere la gara di andata con il Psg dove vennero travolti per 4-0 per poi compiere veramente il miracolo di ribaltare il risultato. Ecco, dovessero qualificarsi per le semifinali i bianconeri potrebbero avere qualche “problemino” di calendario. Il 30 aprile (ma la Lega non ha ancora fissato date e orari da questo turno in poi) la Juve e’ ospite dell’Atalanta, il 2-3 maggio semifinale di Champions, il 7 maggio derby col Toro, il 9-10 maggio semifinale di ritorno, il 14 maggio all’Olimpico con la Roma. Cinque gare in 15 giorni, un vero tour de force. E’ vero che Allegri dispone di due squadre ma e’ altrettanto vero che “il pericolo e’ sempre dietro l’angolo”. Il vantaggio in campionato e’ rassicurante ma ne potrebbe risentire proprio la Champions. (foto lapresse)

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Leggi anche:
Implacabile Novak Djokovic, Lorenzo Musetti si ferma in semifinale
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti