Ponte sullo Stretto, dopo quasi 10 anni in stand by riparte la società

Ponte sullo Stretto, dopo quasi 10 anni in stand by riparte la società
Uno dei progetti del Ponte sullo Stretto
17 marzo 2023

Dopo quasi 10 anni torna in vita la Società dello Stretto di Messina con l’obiettivo di arrivare al progetto esecutivo per il Ponte entro il 31 luglio del 2024. Era infatti il 15 aprile del 2013 quando con decreto del presidente del Consiglio dei ministri la società venne posta in liquidazione. Il Cdm dell’attuale governo Meloni, ha approvato salvo intese il decreto legge che dispone la revoca dell’atto di liquidazione della società che dovrebbe essere posseduta al 51% dal Mit, con quote per Rfi, Anas e le Regioni Sicilia e Calabria. Si riparte dal progetto definitivo del 2011 che verrà adeguato alle nuove norme tecniche, di sicurezza e ambientali per arrivare a realizzare un ponte lungo 3,2 chilometri.

Soddisfazione è stata espressa dal vicepremier e ministro dei Trasporti e Infrastrutture, Matteo Salvini che parla di “giornata storica non solo per la Sicilia e la Calabria ma per tutta l’Italia. Dopo cinquant’anni di chiacchere questo Consiglio dei ministri approva il ponte che unisce la Sicilia al resto d’Italia e all’Europa”. Critiche invece le associazioni ambientaliste, con Legambiente che parla di “inutile opera faraonica” ritenendo più urgente “la partenza di quei cantieri per la transizione ecologica necessari per permettere ai cittadini e alle merci di muoversi in Calabria e Sicilia come in un paese civile e industrializzato e per contribuire alla lotta alla crisi climatica”.

Leggi anche:
La Camera bassa approva la legalizzazione del consumo di cannabis

Critico anche il Wwf secondo il quale “è fallimentare puntare su un’opera dagli elevatissimi e insostenibili costi ambientali, sociali ed economico-finanziari, come il ponte sullo Stretto di Messina”. Toni diversi dalla maggioranza. Per il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, quello del Ponte sullo Stretto “è un progetto concreto, che rappresenta l’idea di futuro che abbiamo sempre avuto. Già 20 anni fa con il mio governo avevamo pronto il progetto, un’opera strategica che si sarebbe realizzata se la sinistra non fosse intervenuta con la politica dei No. Questa volta non ci fermeranno”.

Soddisfazione anche dal presidente della Regione Sicilia, Renato Schifani, per il quale il Ponte è “un’ opera strategica che da sempre la Sicilia e i siciliani ritengono fondamentale per eliminare il divario tra Nord e Sud e che permetterà alla nostra Isola di avere finalmente un collegamento diretto con l`Italia ed il resto dell`Europa”. Dall’opposizione invece da registrare la reazione ironica del vicepresidente del Pd, Peppe Provenzano che in tweet scrive: “Un Ponte immaginario (e salvo intese) per far passare l`autonomia differenziata che frantuma l`Italia e affossa il Mezzogiorno”.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti