Netanyahu a processo per corruzione: “Obiettivo è abbattere premier forte e di destra”

Netanyahu a processo per corruzione: “Obiettivo è abbattere premier forte e di destra”
Il premier israeliano, Benjamin Netanyahu
24 maggio 2020

Si apre oggi a Gerusalemme il processo penale a carico del primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, accusato di corruzione. Si tratta della prima volta nella storia del Paese che un leader in carica viene processato. Netanyahu è stato accusato di corruzione, frode e violazione della fiducia – accuse che nega fermamente. “L’obiettivo è abbattere un premier forte e di destra”, ha detto Netanyahu, citato dalla stampa locale, all’ingresso del Tribunale di Gerusalemme. Al suo arrivo Netanyahu – che nega ogni accusa – era circondato da numerosi ministri del suo partito, il Likud. Il processo giunge a una sola settimana di distanza dal giuramento come premier di un raro governo di unità nazionale. Il suo rivale politico, Benny Gantz, ha accettato di condividere il potere dopo tre elezioni inconcludenti svoltesi in meno di un anno.

Netanyahu ha spiegato che sono stati creati dei casi “calunniosi e deliranti” ed ha chiesto che il procedimento giudiziario sia trasmesso in diretta televisiva per garantire “piena trasparenza. “Sto davanti a voi con la schiena dritta e la testa in alto”, ha aggiunto, rivolgendosi alla stampa. “Voglio che l’opinione pubblica sappia tutta la verità e quindi chiedo alla Corte totale trasparenza. Lasciate che tutto sia trasmesso in diretta, senza censura”, ha aggiunto, secondo quanto si legge sullo Yediot Ahronot. Il politico, 70 anni, ha sempre respinto le sollecitazioni degli avversari a dimettersi, deciso a difendersi in tribunale. Il processo giunge a una sola settimana di distanza dal giuramento come premier di un raro governo di unità nazionale. Il suo rivale politico, Benny Gantz, ha accettato di condividere il potere dopo tre elezioni inconcludenti svoltesi in meno di un anno.

Leggi anche:
Salvini, Meloni e Tajani in piazza: centrodestra unito nel segno della libertà

Netanyahu dovrebbe partecipare alla sessione di apertura del processo, che si terrà presso il tribunale del distretto di Gerusalemme. Il leader del partito Likud di destra è il primo ministro israeliano più longevo, al potere ininterrottamente dal 2009. Ha anche ricoperto un mandato in carica dal 1996-1999. Di cosa è accusato Benjamin Netanyahu? Netanyahu è stato incriminato in tre casi, noti come 1.000, 2.000 e 4.000:

Caso 1.000 – Frode e violazione della fiducia: è accusato di ricevere regali – principalmente sigari e bottiglie di champagne – da potenti uomini d’affari in cambio di favori;

Caso 2.000 – Frode e violazione della fiducia: Netanyahu è accusato di offrire di aiutare a migliorare la diffusione del quotidiano israeliano Yediot Ahronot in cambio di una copertura positiva;

Caso 4.000 – Corruzione, frode e violazione della fiducia: in qualità di primo ministro e ministro delle comunicazioni al momento del presunto reato, Netanyahu è accusato di aver promosso decisioni normative favorevoli all’azionista di controllo nel gigante delle telecomunicazioni di Bezeq, Shaul Elovitch, in cambio di copertura positiva del sito di notizie Walla di proprietà dello stesso Elovitch. Netanyahu ha fortemente negato tutte le accuse a suo carico, denunciando una “caccia alle streghe” da parte degli oppositori politici.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Conte in "tour" in Europa in vista Consiglio Ue su Recovery Plan

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti