Brexit, primo via libera da Europarlamento. E la regina firma la legge su divorzio dall’Ue

Brexit, primo via libera da Europarlamento. E la regina firma la legge su divorzio dall’Ue
Il parlamento europeo
23 gennaio 2020

La commissione Affari costituzionali del Parlamento europeo ha dato il via libera all’accordo di recesso del Regno Unito dall’Unione Europea con 23 voti a favore e 3 contrari. Per entrare in vigore, l’accordo deve ancora approvato dalla plenaria del Parlamento europeo. La data del voto e’ stata fissata per il 29 gennaio. La commissione per gli affari costituzionali ha concordato oggi di raccomandare alla plenaria del Parlamento europeo di approvare le condizioni di recesso del Regno Unito dall’Unione europea e dalla Comunita’ europea dell’energia atomica. Dopo che la ratifica parlamentare nel Regno Unito e’ stata conclusa oggi con il Royal Assent al testo dello European Union Withdrawal Agreement Act, gli eurodeputati della commissione hanno votato a favore di un progetto di raccomandazione positiva relativa all’accordo di recesso Ue-Regno Unito, con 23 voti a favore, 3 contrari e zero astensioni. Il ritiro del Regno Unito dall’Ue e’ fissato per la mezzanotte (orario Europa centrale, CET) del 31 gennaio 2020, precisa una nota. Il Parlamento Ue votera’ l’accordo mercoledi’ 29 gennaio prossimo. Per entrare in vigore, qualsiasi accordo di recesso tra l’Ue e il Regno Unito deve essere approvato dal Parlamento europeo a maggioranza semplice dei voti espressi (articolo 50, paragrafo 2, del trattato sull’Unione europea). Il Consiglio concludera’ quindi il processo da parte dell’Ue con un voto a maggioranza qualificata, previsto per il 30 gennaio.

Leggi anche:
Iran alle urne per nuovo parlamento: vittoria scontata conservatori

E intanto, la Brexit diventa legge. Il matrimonio fra la Gran Bretagna e l’Ue non arrivera’ alle nozze d’oro: l’accordo sulla Brexit raggiunto da Boris Johnson con Bruxelles e’ da oggi legge nel Regno e il divorzio – dopo 47 anni – viene dunque sancito nero su bianco per le 23 esatte del 31 gennaio, ora del meridiano di Greenwich. L’ultimo tassello ha fatto clic con l’atto dovuto della firma della regina, o Royal Assent, al testo dello European Union Withdrawal Agreement Act, che ieri aveva concluso il suo contrastato iter di ratifica parlamentare a tre anni e 7 mesi dall’esito pro Leave del referendum del giugno 2016. Il Royal Assent e’ stato comunicato alla Camera dei Comuni nel pomeriggio e annunciato fra gli applausi fragorosi di una parte dei banchi Tory e del presidente di turno dell’assemblea: il vice speaker Nigel Evans, esponente brexiteer del partito di Johnson. Una reazione che rispecchia quella del premier, il quale – in attesa di parlare solennemente alla nazione a fine mese – aveva salutato la svolta gia’ nelle ore precedenti sulla scia dell’approvazione finale del Withdrawal Agreement Act a Westminster. Questo passaggio “significa che il 31 gennaio lasceremo l’Ue e volteremo pagina come un Regno Unito”, aveva dichiarato BoJo, inneggiando alla vittoria.

“Talora si era pensato che non avremmo mai tagliato il traguardo della Brexit, ma ce l’abbiamo fatta. E adesso possiamo lasciarci alle spalle tre anni di divisioni e di recriminazioni e concentrarci per attuare un futuro esaltante, con scuole e ospedali migliori, strade piu’ sicure e opportunita’ estese a ogni angolo del nostro Paese”. Proclami a parte, la strada da fare e’ in effetti ancora parecchia. A iniziare dai negoziati sulle relazioni future con i 27, commerciali in primis, che scatteranno dal primo febbraio e dovranno consumarsi in soli 11 mesi di transizione, data l’intenzione dell’esecutivo britannico – suggellata nella stessa legge appena varata – di non chiedere alcuna proroga oltre il 31 dicembre 2020. Sullo sfondo restano intanto tutte da attenuare, al di la’ degli auspici, le lacerazioni che hanno segnato sia il Parlamento sia il Paese in questi anni. In un dibattito attraversato da scontri aspri, da cambiamenti di governo, dal passaggio di consegne fra la premiership di Theresa May e quella di Johnson. E da due successive elezioni anticipate, prima dell’approdo al responso delle urne di dicembre, coronato dal successo dei Conservatori all’insegna dello slogan ‘Get Brexit done’, che ha garantito infine a BoJo il controllo dei Comuni.

Leggi anche:
Lo strano caso di come Putin ha licenziato la sua eminenza grigia

Lacerazioni che il capogruppo degli indipendentisti scozzesi dell’Snp a Westminster Ian Blackford ha richiamato in aula pure stasera, liquidando il via libera all’addio all’Ue come l’inizio di “una crisi costituzionale” fra Londra e quelle nazioni del Regno, Scozia in testa, pubblicamente contrarie alla Brexit. Mentre da Bruxelles si guarda gia’ al dopo, oltre la scontata ratifica parallela dell’accordo di recesso all’Europarlamento avviata oggi in commissione e destinata a giungere al voto finale il 29 gennaio. Nella consapevolezza di essere “pronti”, stando alla numero uno della Bce, Christine Lagarde; ma anche di dover affrontare i tempi stretti dei prossimi passi negoziali con Londra sul libero scambio e sul resto, come sottolineato fra gli altri a Davos dal ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. E con gli Usa in agguato sulla riva del fiume per cogliere la chance d’un patto commerciale favorevole post Brexit con Boris: che secondo il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, e i voleri di Donald Trump, potrebbe essere chiuso gia’ “quest’anno”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti