Regeni, il gup di Roma invia gli atti alla Consulta

Regeni, il gup di Roma invia gli atti alla Consulta
Giulio Regeni
31 maggio 2023

Gli atti riguardanti il procedimento penale per la morte di Giulio Regeni sono stati inviati alla Corte costituzionale. Lo ha deciso il gup del Tribunale di Roma, accogliendo una richiesta della Procura. Il giudice ha chiesto alla Corte Costituzionale di esprimersi sulla questione relativa all’assenza degli imputati, i quattro 007 egiziani, per superare lo “stallo” del procedimento sulla morte del ricercatore friulano. E ha affermato che l’Egitto ha fatto “una scelta antidemocratica”. I genitori di Giulio commentano: “Da oggi c’è una speranza in più”.

Era stato il procuratore capo Francesco Lo Voi, lo scorso 3 aprile, a sollevare in aula la questione di costituzionalità dell’articolo 420 bis del Codice di procedura penale, nella parte in cui prevede che l’assenza di conoscenza del processo da parte di un imputato derivi dalla mancata cooperazione di uno Stato estero. E il giudice ha accolto la richiesta della Procura. La Consulta dovrà decidere sull’articolo così come è stato modificato dalla riforma Cartabia nella parte in cui non prevede che si possa procedere in assenza dell’accusato “nei casi in cui la formale mancata conoscenza del procedimento dipenda dalla mancata assistenza giudiziaria da parte dello Stato di appartenenza o residenza dell’accusato stesso”. 

Ricordiamo che Giulio Regeni, dottorando all’Università di Cambridge, sconpare il 25 gennaio 2016, quinto anniversario delle proteste di piazza Tahir. Viene torturato e ucciso in Egitto, Paese governato dal regime del Generale Al-Sisi, dove i diritti umani sono sempre più violati. Il corpo di Giulio viene ritrovato lungo il ciglio dell’autostrada ‘Il Cairo- Alessandria’, il 3 di febbraio. Da  subito non c’è chiarezza sulle cause della morte e fino ad oggi, sul versante delle indagini, non sono emerse grandi novità. Uno stallo che è anche politico.

Leggi anche:
Trovato morto il marito dell'eurodeputata Francesca Donato

I genitori di Giulio

“Speriamo – hanno detto – che questa sia la volta definitiva e che venga sancito che questo processo si può e si deve fare. Visto che noi diciamo sempre che Giulio ‘fa cose’, speriamo che Giulio possa intervenire anche in una riforma legislativa che consenta di non lasciare impuniti i reati di questa gravità quando gli Stati non collaborano”, ha detto l’avvocato Alessandra Ballerini, riferendo il pensiero di Paola e Claudio Regeni sulla decisione del gup.

Il gup

Il gup di Roma ritiene che la questione sollevata dalla Procura, per l’assenza degli imputati, sia “rilevante e non costituzionalmente infondata”. E chiarisce, nell’ordinanza che invia gli atti alla Consulta: “La scelta delle autorità egiziane di sottrarre i suoi cittadini alla giurisdizione italiana e all’accertamento delle responsabilità è una scelta antidemocratica, autoritaria, che di fatto crea in Italia, Paese che si ispira ai principi democratici e di eguaglianza, una disparità di trattamento rispetto ai cittadini italiani e ai cittadini stranieri di altri Paesi, che in casi analoghi verrebbero processati”. 

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti