Rivolta in carcere Sanremo, detenuti lanciano tv e mobili. Feriti due agenti

Rivolta in carcere Sanremo, detenuti lanciano tv e mobili. Feriti due agenti
Carcere di Sanremo
15 ottobre 2018

Rivolta la scorsa notte nel carcere di Sanremo. I detenuti della prima sezione, una quindicina, intorno alle 2 hanno iniziato a lanciare tv, mobili e suppellettili e le bombolette a gas accese nel cortile interno. Ne da’ notizia il segretario regionale del Sappe Michele Lorenzo. La protesta e’ iniziata intorno alle 21, in modo pacifico, per poi riprendere in piena notte. Gli agenti hanno riportato alla calma i detenuti dopo ore di trattative. “Chiediamo al Guardasigilli – spiega Lorenzo – che intervenga sulle carceri liguri. Sanremo e’ piena di eventi critici, c’e’ una gestione fallimentare del direttore. E anche nelle altre case circondariali le cose non vanno meglio. Occorre intervenire al piu’ presto per evitare che la situazione degeneri”.

Leggi anche:
Aggressione omofoba a Pescara, denunciato un ventenne

Subito informato dei fatti dal direttore dell’istituto ligure, il Capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, Francesco Basentini, ha disposto: “Saranno prontamente trasferiti in istituti penitenziari di altre regioni e per alcuni di loro scatterà il regime di sorveglianza particolare previsto dall’articolo 14 bis dell’Ordinamento penitenziario, i 13 detenuti che si sono resi protagonisti la notte scorsa nella casa circondariale di Sanremo dei danneggiamenti e del lancio di bombolette di olio che hanno incendiato alcuni degli arredi”. Il Dap ha fatto sapere che gli agenti, spente le fiamme, hanno spostato i detenuti più facinorosi all’interno di camere detentive destinate all’isolamento precauzionale e, nel frangente, due poliziotti sono stati aggrediti. Basentini ha chiesto informazioni sulle condizioni dei due agenti, che hanno riportato una prognosi di dieci giorni ciascuno, ricevendo rassicurazioni sul loro stato di salute.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti