Russia: “Kiev ha finanziato i terroristi”. L’Isis: “Colpire ovunque nel mondo”

Russia: “Kiev ha finanziato i terroristi”. L’Isis: “Colpire ovunque nel mondo”
29 marzo 2024

Il terrore ha scosso la città di Mosca con l’atroce attacco terroristico avvenuto al Crocus City Hall, un segnale nefasto della persistente minaccia dell’Isis nel panorama globale della sicurezza. In un messaggio audio diffuso sul canale Telegram dell’organizzazione, il portavoce Abu Hudhayfah Al-Ansar ha incitato i seguaci dell’Isis a perpetrare attacchi contro “i crociati ovunque nel mondo”, evidenziando un’allarmante escalation della violenza jihadista.

Il messaggio dell’Isis non solo ha celebrato l’attacco a Mosca, ma ha anche encomiato azioni violente in altri contesti, come l’attentato avvenuto a Kerman, in Iran, il 3 gennaio, durante il quale è stata attaccata la tomba del generale Qassem Soleimani. Questi richiami al terrore dimostrano la persistente minaccia rappresentata dall’Isis e la sua determinazione nel seminare il caos e la distruzione. Le indagini in corso hanno rivelato possibili legami tra gli autori dell’attacco a Mosca e individui provenienti da Kiev, sollevando interrogativi sul coinvolgimento dell’Ucraina nella tragedia. Il comitato investigativo russo ha dichiarato di avere prove che gli autori dell’attacco hanno ricevuto sostegno finanziario dall’Ucraina, mettendo ulteriormente in discussione la stabilità della regione e alimentando le tensioni tra i due paesi.

Le dichiarazioni del portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, hanno aggiunto una nuova dimensione alle dinamiche geopolitiche circostanti l’attacco. Kirby ha confermato che il governo americano aveva informato le autorità russe della minaccia terroristica contro grandi raduni e concerti a Mosca già il 7 marzo, cercando così di prevenire l’attacco. “In effetti, gli Stati Uniti hanno cercato di contribuire a prevenire questo attacco terroristico” ha detto Kirby. Anche l’ambasciata americana a Mosca aveva dichiarato pubblicamente all’epoca che stava seguendo le notizie secondo cui gli estremisti avevano piani imminenti per attaccare grandi raduni a Mosca, compresi i concerti. Kirby ha poi respinto ancora una volta con veemenza le affermazioni russe secondo cui l’Ucraina sarebbe coinvolta nell’attacco terroristico.

Leggi anche:
Neve a quote collinari in Piemonte, Emilia-Romagna e Liguria

Questa è “sciocchezza” e “propaganda”. “È assolutamente chiaro che” l’Isis “è stato l’unico responsabile del terribile attacco terroristico a Mosca la scorsa settimana”. Mentre le autorità russe continuano le indagini sull’attacco al Crocus City Hall e sul suo presunto legame con elementi provenienti dall’Ucraina, il mondo rimane in allerta di fronte alla persistente minaccia terroristica internazionale. Le tensioni tra Russia e Ucraina si fanno sempre più intense, con conseguenze potenzialmente gravi per la stabilità della regione e per la sicurezza globale. In un contesto di crescente incertezza e instabilità, la necessità di una cooperazione internazionale per contrastare il terrorismo diventa sempre più urgente e vitale.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti