Russia, il sottomarino in fiamme era a propulsione nucleare. Top secret su incidente

Russia, il sottomarino in fiamme era a propulsione nucleare. Top secret su incidente
4 luglio 2019

Era a propulsione nucleare il sommergibile militare russo andato in fiamme lunedi’ nel mare di Barents e in cui sono morti 14 marinai ma l’incendio si e’ limitato alla zona batterie del mezzo navale e “l’installazione nucleare dell’apparato e’ stata completamente isolata”. Confermando per la prima vola che l’incidente ha coinvolto un sottomarino a propulsione nucleare, il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, ha detto di aver assicurato il presidente Vladimir Putin che l’equipaggio ha preso tutte le precauzioni necessarie per proteggere il reattore dalle fiamme. Il sommergibile, attualmente nel porto di Severomorsk, nella penisola di Kola, sopra il Circolo polare artico, potra’ essere riparato e riprendere il largo.

“L’unita’ di energia nucleare sulla nave e’ stata completamente isolata e nessuno si trova in quella sezione. L’equipaggio ha preso tutte le misure necessarie per proteggere l’unita’, ed e’ in piena efficienza, il che ci porta a sperare che in un breve periodo tempo la nave possa essere rimessa in servizio”, ha aggiunto Shoigu rivolto al presidente, in una riunione che si e’ svolta oggi, presumibilmente prima della partenza di Putin verso l’Italia. Il ministro ha aggiunto -riferisce ancora il sito del Cremlino- di confidare comunque che il sottomarino possa riprendere il largo “abbastanza rapidamente”. E’ la prima volta da quando, martedi’, si e’ saputo dell’incidente, che le autorita’ russe riconoscono che il sommergibile, il cui tipo non e’ stato ancora reso noto, funzionava ad energia nucleare.

Leggi anche:
Papa Francesco a Verona: un incontro di pace e speranza

Neppure il nome del sommergibile e’ stato reso noto ufficialmente anche perche’ il Cremlino ha deciso di coprire con il segreto di Stato l’accaduto. Secondo diversi media russi, il sottomarino incidentato e’ il sommergibile nucleare AS-31, versione moderna dell’AS-12, noto anche con il nome di Losharik, capace di scendere a profondita’ fino a 6.000 metri. Il sottomarino fa parte di un progetto top-secret, uno dei piu’ segreti della Russia, che riguarda operazioni speciali e ricerca scientifiche a grandi profondita’. Un progetto cosi’ segreto che, secondo il quotidiano Kommersant, neppure gli inquirenti militari hanno accesso al molo dove e’ ancorato il mezzo navale; e gli uomini dell’equipaggio non sono stati identificati.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti