Schillaci: approvato decreto sui nuovi Lea, segnale fortissimo

Schillaci: approvato decreto sui nuovi Lea, segnale fortissimo
Orazio Schillaci
19 aprile 2023

“Sto tornando dalla Conferenza Stato-Regioni, presieduta dal ministro Calderoli: dopo sei anni è stato approvato il Dpcm che risale al 2017 sui nuovi Livelli essenziali di assistenza, con due nuovi nomenclatori, uno sulla specialistica ambulatoriale, l’altro per l’assistenza protesica. L’importo complessivo è di circa 400 milioni, alcuni erano già stati stanziati precedentemente e il resto andrà sul finanziamento di cui alla legge di bilancio dello scorso anno. È un giorno importante per cittadini e pazienti che finalmente avranno accesso a nuove prestazioni”. Così il ministro della Salute, Orazio Schillaci, in una conferenza stampa al Ministero.

“È un momento particolarmente significativo: noi che siamo in questa posizione da meno di sei mesi – ha sottolineato – siamo finalmente riusciti con un grande lavoro, del quale ringrazio tutti, a sbloccare una situazione che ci consegnava in molte Regioni di fatto prestazioni ambulatoriali obsolete. Abbiamo introdotto nuove prestazioni e questo è un segnale fortissimo che va nella direzione di superare le diseguaglianze esistenti tra le varie Regioni”.

“E’ un ulteriore provvedimento che il governo sta facendo nella direzione di offrire il meglio per la sanità pubblica. Questo dà il diritto a tutti di accedere ai nuovi Livelli essenziali di assistenza. Abbiamo sempre in essere una Commissione Lea, quindi da domani stesso una volta approvato il provvedimento raccoglieremo le istanze che perverranno per mettere eventualmente anche altre nuove prestazioni nel tariffario. Ci sarà anche un tavolo di monitoraggio per controllare l’effettiva applicazione del decreto Lea e un tavolo con il Mef per controllare la spesa”, ha concluso.

Leggi anche:
Crisi nel paradiso dei Ferragnez: Fedez abbandona casa
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti