Sdegno in Ungheria per frasi di Orban su “razza mista”

Sdegno in Ungheria per frasi di Orban su “razza mista”
Viktor Orban
26 luglio 2022

Non è una novità: Viktor Orban queste cose le dice da molti anni. Ma questa volta ha toccato diversi nervi sensibili: due giorni fa, parlando all’evento “Tusvanyos Summer” (Bálványos Free Summer University and Student Camp), in Romania, ha ribadito che gli ungheresi non vogliono diventare un paese a “razza mista”. La reazione alle sue parole è stata forte da parte delle opposizioni e dalla Federazione delle comunità ebraiche ungheresi ha manifestato tutto il suo disagio ricordando l’esperienza storica.

Ma cosa ha detto il controverso primo ministro ungherese, in un discorso in parte dedicato a smontare la politica Ue in merito all’Ucraina? Orban ha sostenuto che “la migrazione ha spaccato l’Europa in due, cioè l’Occidente in due. Una metà è un mondo in cui europei e non europei vivono insieme e questi paesi non sono più nazioni: sono nulla di più che conglomerati di gente”. Invece nei Carpazi – ha detto ancora Orban – siamo “un miscuglio di popoli che vivono nelle patrie europee” e che vogliono “mischiarsi l’uno con l’altro, ma non vogliono diventare gente di razza mista”.

Ovviamente, Orban ha tirato fuori il complotto, ha puntato il dito contro il solito George Soros, se l’è presa con l’Europa. In sostanza però questa dichiarazione – non nuova – in questo momento ha provocato un certo scompiglio in Ungheria. Il partito di centrosinistra dell’ex primo ministro Ferenc Gyurcsany, DK, ha dato – secondo quanto riporta Nepszava – del matto al primo ministro: “A un malato non diamo consigli, ma medicine”. E Gyurcsany su Facebook ha scritto: “Orban è la tragedia dell’Ungheria. Noi moriremo se non cambiamo. Saremo i parìa, una nazione immorale”.

Leggi anche:
Il parlamento ha approvato in via definitiva la legge sull’autonomia differenziata

In realtà, a quanto scrive Balkan Insight, in un primo momento le solite affermazioni sulla razza di Orban erano sfuggite alla stampa, perché il dipartimento di stato per le politiche pubbliche guidato da Zoltan Kovacs, che ha pubblicato le minute dell’evento, aveva evitato di riportare le frasi sulla razza. Un fatto, questo notato dal parlamentare socialista Istvan Ujhelyi, che l’ha segnalato su Facebook.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti