Serve un “lockdown” per i virologi

Serve un “lockdown” per i virologi
22 febbraio 2021

Serve un “lockdown” per i virologi. Basta scienziati in tv. Basta allarmismi. Occorre un giro di vite sulla comunicazione di questi luminari anti Covid che tra sapere e business sono tra i personaggi più gettonati dai media. Oramai non c’è più tv, radio, web, social, quotidiani e magazine dove non c’è presenza della “star” del virus. Uno scenario che in Francia ha fatto saltare in aria il presidente della Repubblica. E così Emmanuell Macron ha detto basta esperti di ogni ordine e grado nel piccolo schermo. Disponendo, in estrema sintesi, di parlare solo con l’Eliseo e non davanti alle telecamere. “Siamo in un periodo complesso”, spiegava una fonte dell’Eliseo. La scintilla che ha portato Macron alla svolta, un intervento pubblico del capo del Cts francese, Jean-François Delfraissy, che aveva invocato la più drastica delle misure di contenimento. Come dire, una sorta di Walter Ricciardi all’italiana, sempre pronto a proclamare un lockdown. Anche in Italia occorrerebbe una svolta alla francese. D’altronde, sarebbe una naturale conseguenza del basso profilo mediatico del premier “no-social”. E, in tal senso, un appello a Mario Draghi va fatto.

Fonti accreditate, sostengono che virologi e scienziati del Comitato tecnico scientifico e dell’Istituto superiore di sanità, saranno invitati a limitare al massimo annunci e “allarmismi”. Un fatto è certo: la sovrabbondanza di informazioni a cui siamo sottoposti in maniera incessante, in un momento critico per la salute, spesso genera caos invece di rassicurazioni. Per non parlare delle continue contraddizioni tra gli stessi virologi che, a volte, creano anche sconforto. Fabrizio Pregliasco, Walter Ricciardi, Massimo Galli, Franco Locatelli, Roberto Burioni, Antonella Viola, Andrea Crisanti, Ilaria Capua, Giorgio Palù, Maria Rita Gismondo, Alberto Zangrillo e Matteo Bassetti. Non è una formazione di una squadra di calcio, ma i nomi dei virologi più popolari in tv. Veri e propri protagonisti di reality a cui Reputation Science, la società italiana di analisi e gestione della reputazione, ha dedicato uno studio. Tra i risultati, quello sullo share, che vede sul podio Crisanti, Galli e Ricciardi. Un reality dove spesso la divulgazione diventa uno show personale. E qui subentra anche il business.

Un esempio per tutti. Stando a un’indagine di Panorama, è emerso che la virologa Capua, per un contributo di 10 minuti via Web, il compenso ruota attorno a 2.000 euro più Iva. Compenso che non va a minutaggio. Di conseguenza, per 30 minuti, l’ingaggio sale di conseguenza. Una situazione che ha portato il direttore scientifico dell’istituto Spallanzani di Roma a “bacchettare” gli stessi scienziati. “Vorrei chiedere ai media di fare una pausa di riflessione e far parlare meno di Covid-19, perché continuano a parlare persone che lo fanno senza avere cervello sufficiente o perché sono prezzolati – ha tuonato Giuseppe Ippolito -. C’è gente infatti che si fa pagare per andare in televisione, così come c’è chi si raccomanda ai giornalisti pur di andarci o gente i cui uffici stampa chiedono uno spazio tv al giornalista amico”. Scenario che ha fatto scendere in campo finanche il Codacons, annunciando un’istanza di accesso agli atti a Rai, La7 e Mediaset perché “vuole sapere quanto costano virologi e medici che, oramai da mesi, imperversano sulle reti televisive italiane”. Staremo a vedere.

Leggi anche:
Commissario emergenza Covid: via Arcuri, arriva il generale Figliuolo
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti