Sgarbi: troppi pregiudizi, Morgan non a Sutri ma a Nepi

Sgarbi: troppi pregiudizi, Morgan non a Sutri ma a Nepi
Morgan e Vittorio Sgarbi
6 luglio 2019

Sfrattato nei giorni scorsi dalla sua abitazione di Monza venduta all’asta dopo essere stata pignorata, Morgan dovra’ rinunciare a trasferire il suo studio-museo a Sutri. Nella cittadina della Tuscia di cui e’ sindaco Vittorio Sgarbi, che aveva offerto all’artista ospitalita’ al secondo piano di Palazzo Savorelli, “l’opposizione consiliare ha manifestato una inaudita ostilita’ contro il musicista, evocando, addirittura, il ricorso a denunce penali”. Ad annunciarlo in una nota e’ lo stesso Sgarbi.

“Purtroppo – spiega il critico d’arte – sono prevalsi pregiudizi e ignoranza. Non si trattava di dare una casa a Morgan dove dormire o mangiare, ma di ospitare il suo studio-museo, cioe’ strumenti musicali, dischi, libri, spartiti musicali, cimeli della storia del rock, opere d’arte. Invece una opposizione ottusa lo ha ha messo sullo stesso piano di uno che reclama un alloggio popolare, facendolo apparire come un privilegiato. Mi vergogno io per loro, per la miseria di argomenti che andrebbero bene se fatti in una osteria, ma che non sono degni di rappresentanti istituzionali che fanno apparire Sutri per quella che non e’. C’e’ piu’ sensibilita’ nella gente comune che in questi soggetti che in nome di una sterile contrapposizione politica umiliano non tanto Morgan ma la loro citta’”. Sgarbi annuncia che l’artista, se lo vorra’, trovera’ ospitalita’ proprio vicino a Sutri: “Da Nepi – dice Sgarbi – hanno manifestato la disponibilita’ ad accogliere lo studio-museo di Morgan. A questo punto la scelta spetta al musicista”.

Leggi anche:
Guardia Costiera: oggi recuperate alle 14 salme nello Ionio

A stretto giro di posta arriva il ringraziamento del cantautore al critico d’arte. “La casa di un musicista, di un artista, e’ il luogo dove crea e il suo valore non dipende da quanti quadri di Picasso contiene perche’ e’ essa stessa il quadro e quando giudichi un quadro non giudichi se la tempera era costosa o era sabbia raccolta per strada” ha detto Morgan in merito alla presa di posizione di parte del consiglio comunale di Sutri (Viterbo) in cui l’opposizione ha respinto la proposta di Vittorio Sgarbi. Morgan ha quindi parlato di Sgarbi, definendolo “uomo di grande intelligenza, di profonda conoscenza e che sa leggere l’arte come pochi al mondo: immagino quanto sia deluso dal vedere la citta’ di cui e’ sindaco agire in modo cosi’ volgare e primitivo”, aggiungendo che e’ lo stesso che ha provato lui “di fronte alla vigliaccheria con cui la mia citta’, Monza, ha negato il rispetto ad un uomo che ha solo e sempre portato le sue origini nel palmo di mano”.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti