Sisma e tsunami si abbattono sull’isola di Sulawesi, oltre 380 morti. Controllore di volo perde la vita per salvare un aereo

29 settembre 2018

Uno tsunami ha spazzato via edifici e ucciso almeno diverse centinaia di persone sull’isola indonesiana di Sulawesi, scaricando le vittime catturate nel suo inesorabile percorso attraverso un paesaggio devastato. Il portavoce dell’agenzia della calamità naturali, Sutopo Purwo Nugroho, ha detto che finora 384 persone sono state uccise soltanto nella città di Palu duramente colpita. Anche la vicina Donggala e Mamuju sono state devastate dallo tsunami di 3 metri, ma non sono ancora state raggiunte dagli aiuti a causa di strade danneggiate e interruzioni delle telecomunicazioni.

Leggi anche:
Talebani sparano durante una manifestazione di donne a Kabul

Nugroho ha detto che “migliaia” di persone hanno preso parte ad un festival sulla spiaggia a Palu quando lo tsunami, che è stato innescato da un terremoto di magnitudo 7.5, ha colpito al crepuscolo venerdì. Il loro destino era sconosciuto. Palu, che ha più di 380.000 persone, era cosparso di detriti provenienti da edifici crollati. Una moschea gravemente danneggiata dal terremoto fu per metà sommersa e un centro commerciale fu ridotto a una carcassa accartocciata. Un grande ponte con archi gialli era crollato. I corpi giacevano parzialmente coperti da teloni e un uomo trasportava un bambino morto tra le macerie. La città è costruita attorno a una baia stretta che apparentemente ingrandiva la forza delle acque dello tsunami mentre correvano nella stretta insenatura.

Leggi anche:
A Stromboli turisti al lavoro nel fango con i Vigili del fuoco

La TV indonesiana ha mostrato un video drammatico sugli smartphone di un’onda potente che colpiva Palu, con persone che urlavano e correvano nella paura. L’acqua si è schiantata negli edifici e nella moschea danneggiata. Centinaia di persone sono state ferite e gli ospedali, danneggiati dal terremoto, sono stati travolti. Le comunicazioni con l’area erano difficili perché l’elettricità e le telecomunicazioni venivano tagliate, ostacolando gli sforzi di ricerca e soccorso. “Speriamo che ci saranno satelliti internazionali che attraversano l’Indonesia che possono catturare le immagini e fornirle a noi in modo che possiamo usare le immagini per preparare gli aiuti umanitari”, ha detto Nugroho. Secondo l’agenzia, gli aerei essenziali possono atterrare all’aeroporto di Palu, anche se AirNav, che sovrintende alla navigazione aerea, ha detto che la pista ha subito danni come anche la torre di controllo. AirNav ha fatto sapere che uno dei suoi controllori del traffico aereo, di 21 anni, è morto nel sisma dopo essere rimasto nella torre per assicurarsi che un volo che aveva appena liberato per la partenza sia stato trasportato in aria in sicurezza. Lo ha fatto.

Più della metà dei 560 detenuti in una prigione di Palu sono fuggiti dopo che le sue mura sono crollate durante il terremoto. “È stato molto difficile per le guardie di sicurezza impedire ai detenuti di scappare perché erano così presi dal panico e hanno dovuto salvare anche loro stessi”, ha detto all’agenzia di stampa statale Antara. Il presidente indonesiano Joko “Jokowi” Widodo venerdì sera ha incaricato il ministro della Sicurezza di coordinare tutte le operazioni che ha fatto scattare il governo per risollevare il paese da questo disastro. Per il portavoce della U.N. Stephane Dujarric i loro funzionari “sono pronti a fornire supporto come richiesto”. L’Indonesia è spesso colpita da terremoti, eruzioni vulcaniche e tsunami a causa della sua posizione sull’anello di fuoco, un arco di vulcani e linee di faglia nel bacino del Pacifico. Nel dicembre 2004, un terremoto di magnitudo 9,1 sull’isola di Sumatra, nell’Indonesia occidentale, ha provocato uno tsunami che ha provocato la morte di 230.000 persone in una dozzina di paesi. Il 5 agosto, un potente terremoto sull’isola indonesiana di Lombok ha ucciso 505 persone, la maggior parte delle quali è morta in edifici crollati.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti