Taiwan: Cina prepara invasione. Pechino: “L’isola è territorio cinese”

Taiwan: Cina prepara invasione. Pechino: “L’isola è territorio cinese”
9 agosto 2022

La Cina continua le esercitazioni militari intorno a Taiwan, le più grandi mai messe in atto sull’isola, in risposta alla visita della speaker della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, sfidando gli appelli internazionali a porvi fine. La Cina ha usato le esercitazioni militari dell’ultima settimana per preparare l’invasione di Taiwan e la rabbia per la visita della speaker della Camera Usa Nancy Pelosi è stata solo una scusa: lo ha affermato il ministro degli Esteri di Taiwan, Joseph Wu, mentre il governo dell’isola ha avviato esercitazioni di risposta a quelle cinesi. L’Esercito popolare di liberazione cinese (PLA) continua a sua volta le manovre militari iniziate la scorsa settimana. Parlando oggi ai media, Wu ha accusato la Cina di “violazioni gravi del diritto internazionale”. Pechino “sta conducendo esercitazioni militari su larga scala e lanci di missili, nonché attacchi informatici, disinformazione e coercizione economica, nel tentativo di indebolire il morale a Taiwan”.

Secondo il capo della diplomazia di Taiwan, le attività militari cinesi attorno all’isola non avrebbero potuto essere organizzate così in fretta come una reazione alla visita di Pelosi presupporrebbe. Wu si è detto convinto che la Cina sta “chiaramente cercando di dissuadere altri Paesi dall’interferire nel suo tentativo di invadere Taiwan” e ha anche mostrato che aveva intenzioni geostrategiche molto più ampie, ovvero “alterare lo status quo nello Stretto di Taiwan e nell’intera regione”. La Cina, dal canto suo, continua a ribadire che non esiste “la linea mediana dello Stretto” di Taiwan come delimitazione tra il territorio continentale e l’isola de facto indipendente. Parole del vice ministro degli Esteri cinese, Ma Zhaoxu, intervistato dall’emittente CGTN e rilanciato da altri media cinesi. Sono gli Stati Uniti, ha detto, a minacciare la pace e la stabilità nelle relazioni tra le due sponde dello Stretto, perché “Taiwan è parte del territorio cinese”.

Leggi anche:
Mattarella chiama capo Polizia: solidarietà ad agenti aggrediti

Il numero due degli Esteri di Pechino ha consigliato agli Usa “di tornare al principio di una sola Cina” e di “occuparsi di cose più serie e pragmatica nell’ottica di uno sviluppo delle relazioni sino-americane nella stabilità”. Il principio dell’unica Cina è rispettato da 170 tra Paesi e organizzazioni, ha detto il diplomatico, liquidando così le preoccupazioni occidentali: “Cos’è il G7?”. Zhaoxu ha detto che la questione di Taiwan “è completamente una questione interna, del tutto differente dall’Ucraina” e ch e le esercitazioni militari intraprese nei giorni scorsi servono a “salvaguardare la sovranità cinese, che è sacra”. Il numero due degli Esteri cinese ha anche consigliato agli Usa “di tornare al principio di una sola Cina” e di “occuparsi di cose più serie e pragmatica nell’ottica di uno sviluppo delle relazioni sino-americane nella stabilità”.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti