Tajani apre G7 Esteri con minuto di silenzio per Navalny

Tajani apre G7 Esteri con minuto di silenzio per Navalny
Antonio Tajani
17 febbraio 2024

Il ministro degli Affari Esteri Antonio Tajani ha dato inizio alla riunione dei ministri del G7 a Monaco di Baviera con un momento di raccoglimento dedicato ad Alexei Navalny, figura di spicco dell’opposizione russa. “Per le sue idee e per la sua battaglia per la libertà e contro la corruzione in Russia, Navalny è stato portato alla morte”, ha dichiarato Tajani. “La Russia deve fare chiarezza sulla sua morte e interrompere la repressione inaccettabile del dissenso politico”. La conferenza, che si preannuncia di cruciale importanza, sarà dominata dai conflitti in corso in diverse parti del mondo, con particolare riferimento alla situazione in Gaza e nel conflitto tra Russia e Ucraina.

“Russia e Ucraina non sono mai state così distanti”, ha osservato Tajani, mentre la comunità internazionale guarda con apprensione agli eventi in corso a Gaza, dove il bilancio delle vittime continua a crescere in modo allarmante. Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, sembra intenzionato ad avviare un’operazione terrestre a Rafah, un’azione che potrebbe avere serie conseguenze sulla già precaria situazione umanitaria nella regione. “La situazione in Medio Oriente richiede un intervento urgente e coordinato”, ha sottolineato Tajani. Nel frattempo, il ritorno possibile di Donald Trump alla Casa Bianca potrebbe aggiungere ulteriori complicazioni al panorama politico internazionale, specialmente per quanto riguarda la posizione degli Stati Uniti nei confronti degli alleati della NATO e delle tensioni con la Russia. 

Leggi anche:
Caso pornostar, il giorno del giudizio per Trump. De Niro: "È colpevole, deve andare in carcere"

La Conferenza sulla Sicurezza di Monaco di Baviera, spesso paragonata al “Davos della Difesa”, rappresenta un momento chiave per l’élite mondiale della politica e della sicurezza. “Questo incontro è un barometro delle relazioni internazionali e delle tensioni globali”, ha affermato Tajani. “È un’opportunità per discutere e collaborare su questioni di portata globale”. Nonostante l’assenza della Russia, esclusa dal forum negli ultimi due anni a causa delle sue azioni in Ucraina e di altre violazioni delle norme internazionali, la presenza di altri leader mondiali come il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, il presidente israeliano Isaac Herzog e il capo della diplomazia cinese Wang Yi, sottolinea l’importanza globale di questo incontro. “La sicurezza e la stabilità globale richiedono un impegno comune”, ha sottolineato Tajani.

“Solo attraverso la cooperazione internazionale possiamo affrontare le sfide che minacciano la pace nel mondo”. La conferenza offre anche l’opportunità di incontri bilaterali cruciali, come quello tra il segretario di Stato americano Antony Blinken e il suo omologo cinese Wang Yi, che potrebbe offrire un’occasione per discutere delle tensioni commerciali tra le due potenze e per trovare soluzioni alla situazione nel Mar Rosso. Insomma, la Conferenza sulla Sicurezza di Monaco di Baviera rappresenta un’opportunità fondamentale per affrontare le sfide globali e promuovere la pace e la sicurezza internazionale. “Questo incontro è un richiamo all’unità e alla determinazione nella lotta per un mondo più sicuro e pacifico”, ha concluso Tajani. “Siamo tutti chiamati a collaborare per il bene comune dell’umanità”.

Leggi anche:
Tajani: l'Italia pronta a riconoscere lo Stato di Palestina, ma con condizioni
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti