Sui vaccini tante chiacchiere ma si dovrà aspettare un anno

Sui vaccini tante chiacchiere ma si dovrà aspettare un anno
5 maggio 2017

Nella campagna elettorale permanente che catalizza i partiti politici ogni argomento diventa terreno di scontro. Nel triste dibattito italiano il merito delle questioni, che poi sarebbe prioritario, non esiste più. Benché i cittadini continuino a vivere in un mondo diverso, in cui invece il merito conta e la realtà impone riflessioni e scelte ogni giorno. Ma a chi guida le istituzioni, evidentemente, non interessa. L’ultima battaglia dei nostri partiti è sui vaccini. Da giorni fioccano polemiche e accuse, spesso sfruttando frasi estrapolate ad arte da discorsi più articolati per dimostrare questa o quella tesi o narrazioni costruite a tavolino. E nessuno si preoccupa di ciò che accade nei centri vaccinazione. La mia esperienza: il 28 aprile scorso ho prenotato il vaccino per mio figlio. Mi hanno dato il primo appuntamento disponibile: 20 maggio 2018. Più di un anno di attesa. Ma perché invece di fare tante chiacchiere e polemiche le persone che guidano le istituzioni non si impegnano per rendere più semplici e veloci le vaccinazioni? Ma non sarà che i polveroni alzati dai partiti servono proprio per coprire la loro incapacità di migliorare le cose?

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it
Leggi anche:
Il Giappone avverte: preoccupa crescente collaborazione militare Cina-Russia


Commenti