Teatro Massimo di Palermo, Marc Albrecht torna sul podio

Teatro Massimo di Palermo, Marc Albrecht torna sul podio
Marc Albrecht
27 gennaio 2023

Tra i direttori d’orchestra più ricercati del panorama internazionale, Marc Albrecht torna sul podio dell’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo per dirigere, domenica 29 gennaio alle 20:30, i Kindertotenlieder e la Quinta Sinfonia di Gustav Mahler, uno dei grandi capolavori della musica del Novecento. Il programma prevede in apertura i Kindertotenlieder (Canti per i bambini morti), i cinque lieder per voce e orchestra che Mahler compose musicando le struggenti poesie scritte dal poeta tedesco Friedrich Rückert, che saranno cantati dal mezzosoprano tedesco Wiebke Lehmkuhl, e a seguire la Sinfonia n. 5 in do diesis minore di Mahler che per la varietà e ricchezza di idee musicali è considerata uno dei grandi capolavori della musica del Novecento. In occasione del Giorno della memoria, i Kindertotenlieder saranno dedicati alla memoria di tutti i bambini vittime della Shoah.

Le due composizioni appartengono entrambe ai primi anni del Novecento, un periodo della vita di Mahler in cui il successo come direttore della Hofoper di Vienna contrasta con le critiche subite dalle sue composizioni, la gioia del matrimonio con la bella e giovane Alma Schindler con la malattia che lo vide in punto di morte. I Kindertotenlieder si basano sulle poesie di grande impatto emotivo che Friedrich Rückert aveva scritto dopo la scomparsa di due dei suoi figli. Altri testi di Rückert, sempre in quegli stessi anni, furono musicati da Mahler per i Rückertlieder. Alma non capì come mai il marito, con due figlie bambine, avesse voluto musicare questi testi strazianti; e ne trasse un oscuro presentimento, soprattutto dopo la morte, nel 1907, della loro prima figlia. Gustav Mahler, invece, disse che solo perché quel dolore gli era estraneo era stato in grado di trasporlo in musica: dopo averlo vissuto non avrebbe più potuto farlo.

Leggi anche:
Un emozionato Umberto Tozzi colora di Rosa le Terme di Caracalla

Nelle sinfonie precedenti, dalla Seconda alla Quarta, Mahler aveva previsto la presenza della voce umana: nella Quinta Sinfonia invece torna a un organico esclusivamente strumentale e a una struttura che per certi versi si riavvicina a quella tradizionale, anche nei titoli di alcuni movimenti, l’ultimo in particolare, mentre per altri versi se ne allontana. I cinque movimenti della Quinta Sinfonia sono raggruppati in tre sezioni: una prima parte è costituita dalla Marcia funebre e dal Tempestosamente mosso, al centro si colloca lo Scherzo, mentre la sezione conclusiva è composta dal celebre Adagietto, di cui Luchino Visconti fece il cuore della colonna sonora di Morte a Venezia, e dal Rondo-finale, con un florilegio di temi che colpiscono per la ricchezza cromatica dell’orchestrazione.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti