Tentato omicidio nel Ragusano, un fermo

Tentato omicidio nel Ragusano, un fermo
21 aprile 2019

La polizia ha sottoposto a fermo, disposto dalla Procura della Repubblica di Ragusa, un uomo per tentato omicidio. A indirizzare le indagini e’ stata la vittima del reato, che si era recata al pronto soccorso di Vittoria per farsi medicare da ferite d’arma da fuoco e ha fornito le prime informazioni ai medici. Gli investigatori iblei, insieme ai colleghi del commissariato di Vittoria, hanno raccolto decine di testimonianze che hanno convinto la Procura a emettere un provvedimento di fermo nella tarda serata di ieri. L’uomo che ha sparato ha chiamato i poliziotti per consegnarsi alla Squadra mobile che lo stava cercando ammettendo le proprie responsabilita’.

La persona che e’ attualmente in stato di fermo e’ Emanuele, detto ‘Elio’, Greco. A fine gennaio di quest’anno, su proposta della Procura di Catania, la Guardia di Finanza ha eseguito un provvedimento di applicazione di misura patrimoniale, finalizzato al sequestro di attivita’ commerciali, immobili (fabbricati e terreni), beni mobili registrati e disponibilita’ finanziarie, per un valore complessivo di circa 35 milioni di euro, riconducibili a Greco. L’udienza di ‘convalida’ e’ stata rinviata per due volte e deve ancora entrare nel merito.

Leggi anche:
Oltre 100 morti e migliaia di feriti in esplosioni a Beirut, si parla di attentato

Su Greco pende un rito abbreviato nell’ambito dell’operazione Ghost Trash. Greco, mai condannato per 416 bis, era considerato dagli inquirenti gia’ in passato vicino al clan Dominante Carbonaro. Nell’operazione citata, viene indicato come uno dei soggetti in associazione mafiosa, considerati di spicco nel controllo del mercato degli imballaggi destinati alle produzioni ortofrutticole di Vittoria. L’udienza davanti al gup e’ stata fissata a settembre. Nel corso dell’operazione Ghost trash, fu la stessa Procura di Catania a tracciare un profilo di Elio Greco: “La ‘qualificata’ pericolosita’ sociale del proposto si fonda su piu’ condanne riportate negli anni ’90 quando Greco, unitamente ad altri sodali, costituendo un gruppo armato, era dedito alla commissione di rapine presso banche, portavalori e gioiellerie.

Successivamente, alla fine del 1994, il Greco riportava una condanna in primo grado (in appello poi favorevolmente definitasi per l’indiziato) dalla quale emergeva la sua vicinanza al clan Dominante, il cui capo, in quel periodo, intento a riorganizzare le fila della formazione mafiosa, reclutava, tra i nuovi adepti, figure di provata e riconosciuta attitudine criminale quali gia’ erano i fratelli Emanuele e Raffaele Greco”. La Procura sostiene inoltre che, “negli anni Duemila, la sua partecipazione all’associazione mafiosa – peraltro messa in evidenza da piu’ collaboratori di giustizia – si manifestava attraverso le nuove vesti di amministratore di realta’ imprenditoriali, intento a spartirsi il mercato degli imballaggi del mercato di Vittoria stringendo affari con altri soggetti malavitosi operanti nel medesimo territorio”. Cio’ fino al 2017, quando la Guardia di Finanza ha posto in essere l’operazione ‘Ghost Trash’.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti