I tetti di San Pietroburgo aperti ai turisti. Ma bambini accompagnati

1 settembre 2017

La facciata dell’Ermitage con vista mozzafiato sulla città imperiale di San Pietroburgo. Ora si può ammirare, grazie alle visite guidate che si possono effettuare, per la prima volta, sui tetti della città. A promuovere i tour, iniziati a giugno, un’agenzia di turismo locale che porta i visitatori sui tetti di questo palazzo del ventesimo secolo, da dove è possibile ammirare lo skyline di San Pietroburgo, con le sue principali attrazioni turistiche: la cattedrale Saint-Isaac, la chiesa dei Santi Pietro e Paolo e l’Ermitage.

Leggi anche:
Coronavirus, i nuovi positivi tornano a superare i 400. Iss: "Tendenza casi in aumento"

Ma per convincere le autorità a consentire ai turisti di salire sul tetto dell’edificio non è stato facile per l’agenzia Panoramicroof che ha impiegato ben 4 anni prima di ottenere il disco verde. Spiega Roman Ravilov, guida turistica: “Prima di tutto bisogna sottolineare che si tratta della prima visita guidata legale su dei tetti. È completamente autorizzata. Ma la cosa più importante è che non c’è pericolo, la visita avviene in completa sicurezza ed è accessibile a tutti, anche alle famiglie. L’unica eccezione che facciamo è per i bambini a partire dai 12 anni, accompagnati dai genitori”. E per non irritare i condomini del palazzo, l’agenzia ha trovato un accordo con loro: in cambio delle visite Panoramicroof si è fatta carico delle spese di riparazione dell’ascensore.

Leggi anche:
La bandiera del Libano proiettata sul Cristo Redentore a Rio

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti