Timballo di maccheroni, dai monsù alla vostra tavola

Timballo di maccheroni, dai monsù alla vostra tavola
13 settembre 2020

Il timballo di maccheroni è una pietanza molto antica, ma che inizia ad avere successo con la cucina dei monsù, cuochi francesi alla corte borbonica nel Regno delle Due Sicilie. Non a caso il termine “timballo” deriva dal francese “timbale”, indica il tamburo e a sua volta deriva dall’arabo. Al significato “stampo a forma di tamburo”, il passo è breve ed ecco dunque l’origine del nome di questa buonissima pietanza. Infatti il timballo dovrebbe essere cotto in uno stampo a forma semisferica, simile a quello turco detto appunto timpano o timballo.

Ingredienti

  • maccheroni zite, 600 gr
  • grana grattugiano, 40 gr
  • pecorino grattugiato, 40 gr
  • strutto, 50 gr
  • olio evo, 1 bicchiere
  • fegatelli di maiale, 250 gr
  • salsiccia, 400 gr
  • funghi secchi, 60 gr
  • pomodori maturi, 500 gr
  • mozzarella, 300 gr
  • uova sode, 4
  • cipolla
  • aglio
  • pangrattato
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Preparazione

In una casseruola sciogliamo metà strutto con olio evo e tuffiamo aglio e cipolla tritate. A doratura del trito aggiungiamo i fegatelli di maiale precedentemente puliti e tagliati a pezzettini, la salsiccia spellata e sminuzzata e i funghi prima ammorbiditi in acqua calda. Aggiungiamo una tazza di acqua bollente e saliamo e pepiamo q.b. Aggiungiamo il pomodoro lavto, pelato e tagliato a pezzettoni. Lasciamo cuocere per 30 minuti e nel frattempo talgiamo a dadini la mozzarella. Cuociamo la pasta in abbondante acqua salata e scoliamola al dente. Condiamola con il sugo e aggiungiamo la mozzarella, le fette di uova sode e il formaggio grattugiato. Prendiamo uno stampo, ungiamolo ben bene di strutto, distribuiamo il pangrattato e rimpiamoli con i maccheroni conditi. Infine cospargere altro pangrattato per un timballo di pasta perfetto. Inforniamo il timballo di maccheroni a 180°C per circa 40 minuti. Quando la superficie risulterà dorata spegniamo il forno e impiattiamo con stupore dei commensali.

Leggi anche:
Le uova ripiene, piatto per tutte le stagioni
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti