Tre navi da guerra cinesi circumnavigano il Giappone. Tokyo in allarme

Tre navi da guerra cinesi circumnavigano il Giappone. Tokyo in allarme
21 giugno 2022

Tre navi da guerra cinesi sono state avvistate nelle vicinanze del Giappone, lungo una rotta definita inusuale attorno all’Arcipelago. Lo ha riferito oggi il ministero della Difesa nipponico su Twitter. Due caccia cacciatorpediniere armate con missili e una nave appoggio hanno navigato ieri a sud-ovest della prefettura di Chiba. Le stesse navi già la scorsa settimana erano entrate nel mar del Giappone dallo stretto di Tsushima, per poi risalire verso nord e addentrarsi nel Pacifico all’altezza dell’isola di Hokkaido, la più settentrionale delle quattro isole principali nipponiche. Sostanzialmente, le navi hanno circumnavigato l’arcipelago giapponese. Venerdì il ministero della Difesa nipponico aveva già reso noto che sette navi da guerra russe erano passate vicino alle isole Izu, a sud di Tokyo. Il governo giapponese è in allarme per l’accresciuta attività militare nella regione da parte della Russia e della Cina. Il mese scorso bombardieri strategici cinesi e russi hanno sorvolato le acque vicino al Giappone, attivando il decollo di aerei da guerra nipponici per controllo. Il Giappone si è associato ai paesi occidentali nella politica delle sanzioni contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina e ha rafforzato il suo sostegno a Taiwan, che Pechino considera parte integrante del suo territorio.

Proprio venerdì scorso, la Cina ha varato la sua terza portaerei, la più avanzata della flotta, dai cantieri navali di Shanghai. La nuova nave – Tipo 003, che assumerà il nome di “Fujian” – è parte di un progetto che punta a mettere a disposizione della marina cinese almeno sei portaerei entro il 2035. Lo scafo è stato varato dal molo Jiangnan di Shanghai, dova da diversi giorni continuavano i preparativi e per almeno due volte c’erano state dilazioni. Il varo è stato trasmesso dalla televisione di stato cinese CCTV. LA Tipo 003 è la prima portaerei cinese a usare una catapulta elettromagnetica per lanciare gli aerei dalla piattaforma di decollo. Questo sistema ad alta efficienza era finora utilizzato solo dalla classe di portaerei Gerald R. Ford della Marina degli Stati uniti. Le altre due portaerei cinesi – la Liaoning (un adattamento della vecchia portaerei sovietica Varyag) e la Shandong (la prima portaerei completamente costruita in Cina) – utilizzano sistemi di lancio più tradizionali e questo avanzamento mostra come le capacità tecnologiche cinesi stiano in fase di accelerazione. La cerimonia, iniziata in tarda mattinata, è iniziata con l’inno nazionale e l’alzabandiera. Il varo è avvenuto con la classica bottiglia di champagne lanciata contro lo scafo.

Leggi anche:
Ucraina, missile russo colpisce centro commerciale. "Numero morti impensabile"

La Fujian è una nave da 80mila tonnellate, lunga circa 320 metri e larga 73 metri. Ha tre catapulte di lancio e due montacarichi per aerei. Al varo non è stato presente il presidente Xi Jinping e la più alta autorità che ha partecipato è Xu Qiliang, membro del Politburo del Comitato centrale del Partito comunista cinese e vice di Xi alla presidenza della Comissione militare centrale. La costruzione di portaerei da parte della Cina è vista come una minaccia militare dai concorrenti regionali, a partiee dagli Stati uniti. Il varo è di una nave e l’operazione con la quale s`immette lo scafo nell’elemento in cui dovrà stare per il resto della sua vita ed è quindi considerato il momento più delicato della vita di una nave, con una forte valenza simbolica. Tuttavia questo non vuol dire che siano finiti i lavori sull’imbarcazione. L`installazione dei sistemi d’arma, l`attivazione della propulsione inizieranno solo dopo che la tenuta dello scafo sarà testata. Circa 4mila operai dei cantieri navali, nonostante le restrizioni Covid, hanno lavorato a pieno ritmo per la costruzione della portaerei. Durante il lungo lockdown a cui Shanghai è stata sottoposta hanno dormito presso i cantieri.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti