Tribunale Mosca rifiuta rilascio giornalista Usa Gershkovich

20 febbraio 2024

Evan Gershkovich

Il tribunale della città di Mosca ha riconosciuto legale la proroga fino al 30 marzo della detenzione del giornalista del Wall Street Journal Evan Gershkovich, accusato di spionaggio. Secondo quanto riferito in tribunale alla Ria Novosti. “Dopo aver esaminato il ricorso, la Corte ha lasciato invariata la decisione di estendere la misura preventiva”, ha affermato la Corte. Pertanto, la corte ha respinto il ricorso del suo avvocato, che ha insistito per il suo rilascio.

Il giornalista del Wall Street Journal, è detenuto a Ekaterinburg da marzo 2023 con l’accusa di spionaggio. Secondo il Servizio federale per la sicurezza della Federazione Russa (Fsb), Gershkovich, “agendo su istruzioni della parte americana, ha raccolto informazioni che costituiscono segreti di Stato sulle attività di una delle imprese del complesso militare-industriale della Russia”. Gershkovich è stato arrestato a Ekaterinburg. Il dipartimento investigativo dell’Fsb ha avviato un procedimento penale contro di lui ai sensi dell’articolo 276 del codice penale della Federazione russa (spionaggio). Rischia fino a 20 anni di carcere. Si dichiara non colpevole.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it
Leggi anche:
Onu, Usa hanno votato contro l'ammissione della Palestina


Commenti