Ursula von der Leyen detta le condizioni per la sua riconferma

Ursula von der Leyen detta le condizioni per la sua riconferma
Ursula von der Leyen
22 febbraio 2024

La coalizione che sosterrà la riconferma di Ursula von der Leyen alla guida della Commissione europea dovrà essere composta da forze politiche che sposano senza riserve i valori fondanti dell’Unione Europea: democrazia, stato di diritto, sostegno all’Ucraina e alla NATO. A tracciare la linea rossa è stata la stessa von der Leyen in una conferenza stampa a Bruxelles, rispondendo alle domande dei giornalisti dopo una riunione del Partito Popolare Europeo (PPE) a sostegno della sua candidatura.

“Per me è importante lavorare con degli europeisti, pro-Nato, pro-ucraini, che siano chiaramente sostenitori dei nostri valori democratici”, ha affermato la presidente della Commissione con un tono pacato ma fermo. “Quindi, è più una questione di contenuti che non del gruppo politico di provenienza”. La risposta di von der Leyen chiude le porte a qualsiasi possibile collaborazione con partiti euroscettici e filo-putiniani, come quelli che fanno parte del gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei (ECR), tra cui Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. “Con chi è contro lo stato di diritto dell’Ue è impossibile, con gli amici di Putin è impossibile”, ha detto lapidaria von der Leyen, sottolineando la gravità di certe posizioni che minano le fondamenta dell’Unione Europea.

Una “linea rossa” non negoziabile

Per poter far parte della nuova maggioranza, i partiti dovranno rispondere in modo chiaro e inequivocabile a una serie di domande che non ammettono dubbi: “Siete per la democrazia? Difendete i nostri valori? Siete molto fermi per lo stato di diritto? Sostenete l’Ucraina? E vi battete contro il tentativo di Putin di indebolire e dividere l’Europa?”. La composizione del Parlamento europeo dopo le elezioni di giugno è ancora incerta. “Non sappiamo ancora chi siederà nel gruppo ECR dopo le elezioni”, ha osservato von der Leyen con un pizzico di realismo. “O quali gruppi di eurodeputati lasceranno l’ECR e, ad esempio, aderiranno al PPE, il che è anche possibile”. Le prossime elezioni europee saranno cruciali per il futuro dell’Unione Europea. La scelta dei cittadini determinerà la direzione che l’Europa prenderà nei prossimi anni. La “linea rossa” tracciata da von der Leyen rappresenta un punto di riferimento importante per tutti coloro che credono in un’Europa unita, democratica, forte e solidale.

Leggi anche:
Onu, Usa hanno votato contro l'ammissione della Palestina

Un appello accorato all’unità

Nel corso della conferenza stampa, von der Leyen ha rivolto un appello accorato all’unità e alla responsabilità di tutte le forze politiche che si riconoscono nei valori fondanti dell’Unione Europea. “Dobbiamo difendere la nostra democrazia dagli attacchi interni ed esterni”, ha affermato con enfasi. “Solo se saremo uniti e coesi potremo superare le sfide che ci attendono e costruire un futuro migliore per tutti i cittadini europei”. Le parole di von der Leyen hanno acceso un acceso dibattito tra i giornalisti presenti in sala stampa. Le posizioni espresse dalla presidente della Commissione sono state accolte con favore da alcuni, mentre altri hanno sollevato dubbi e perplessità. La riconferma di Ursula von der Leyen alla guida della Commissione europea è un momento storico per l’Unione Europea. Le sue parole e le sue azioni nei prossimi mesi saranno determinanti per il futuro del continente.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti