Via playoff B, su playout Gravina si affida a Collegio

Via playoff B, su playout Gravina si affida a Collegio
Gabriele Gravina
17 maggio 2019

I play off della Serie B possono regolarmente partire oggi con Spezia-Cittadella (sabato ci sara’ Verona-Perugia), il destino dei play out e’ invece ancora sub iudice. Questa la situazione al termine di una giornata, quella di ieri, che ha visto la Corte Federale d’Appello della Figc rigettare l’istanza cautelare formulata dal Palermo in relazione proprio alla sospensione delle gare dei play off. Secondo la Corte, infatti, e’ “prevalente l’interesse delle altre societa’ all’ordinario svolgimento della fase finale”. La decisione di procedere alla disputa dei play off dopo la sentenza del Tribunale Federale Nazionale – che ha retrocesso il Palermo all’ultimo posto per gli illeciti amministrativi commessi dal 2014 al 2017 – e’ stata oggetto di discussione anche nel corso del Consiglio federale della Figc, col presidente Gabriele Gravina che ha ribadito “la legittimita’ della scelta della Lega di Serie B” pur avanzando le proprie perplessita’ sull’opportunita’ della stessa rispetto all’attesa della conclusione del procedimento giudiziario a livello endofederale (il secondo grado alla Corte Federale d’Appello si discutera’ il 23 maggio).

In relazione invece all’annullamento dei play out deciso dalla Lega B per il posizionamento del Palermo all’ultimo posto, dopo aver verificato che esistono due interpretazioni circa le conseguenze dell’applicazione della sanzione adottata, Gravina ha ritenuto di aspettare la decisione di merito di secondo grado. Nell’attesa Gravina ha rivolto anche un quesito al Collegio di Garanzia dello Sport del Coni relativamente alla individuazione della quarta societa’ retrocessa dalla Serie B alla Serie C e dunque alla necessita’ o meno che si debba procedere alla disputa del play out (come chiede il Foggia, atteso domani proprio al Collegio di Garanzia per discutere della penalizzazione di 6 punti). Secondo il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, la decisione sui play out doveva comunque “essere presa solo dopo che la giustizia endofederale aveva terminato il suo iter. Ho rimarcato in Consiglio Federale come, purtroppo, ci sia un conflitto di interesse da parte del presidente Claudio Lotito: due Leghe, due club e questo ogni volta pone problemi”.

Durante il Consiglio in via Allegri si e’ poi parlato anche del tema della riforma delle competizioni internazionali, con Gravina netto nel sottolineare la contrarieta’ della Figc “alla costituzione di una SuperChampions per due aspetti inderogabili: territorialita’ e valore della competizione sportiva. I campionati devono sempre giocarsi nei fine settimana e si accede attraverso le singole competizioni nazionali. Non sacrifichiamo il valore del nostro calcio nazionale a discapito di interessi legati a singoli soggetti. Mi auguro che Ceferin prenda atto di questa presa di posizione”. Posizione che Gravina ribadira’ anche domani in occasione della riunione convocata dalla Uefa a Budapest con le 55 Federazione Europee.

Leggi anche:
Nasce la SuperLega con Inter, Milan e Juve. Uefa: "Agnelli è la più grande delusione di tutti"
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti