Cagliari in zona sicurezza, la Spal nella palude

Cagliari in zona sicurezza, la Spal nella palude
7 aprile 2019

Cagliari praticamente salvo, Spal ancora no. La squadra di Maran infila il suo quarto due a uno in cinque partite alla Sardegna Arena e ferma la corsa di Petagna (oggi partito dalla panchina ma quasi letale nel finale) e compagni reduci da tre vittorie di fila. Per ora e’ undicesimo. Decisivo il gol di testa nella ripresa del solito Pavoletti, l’undicesimo della sua stagione piu’ bella culminata con esordio e rete in nazionale. Dalla parte dei rossoblu’ anche tre legni: il primo e’ stato trasformato in rete sulla respinta proprio da Pavoletti, il secondo e’ arrivato con una traversa di Ionita, il terzo e’ stato di Cacciatore con successivo gol annullato a Pavoletti per carica al portiere.

La Spal, senza Lazzari, e’ andata avanti a sprazzi. Bravi e grati al Var per il provvisorio pari di Antenucci su rigore dopo il gol iniziale di Farago’. Poi discreti, ma poco coraggiosi nella gestione del momento peggiore degli avversari. In quella fase sono concentrati i maggiori rimpianti di Semplici. Perche’ poi il Cagliari ha superato il lungo black out e si e’ ripreso la partita anche grazie a Barella che ha ripreso a correre come nei momenti migliori. Cagliari subito in gol dopo tre minuti: palla recuperata da Pavoletti, gran tiro da fuori di Barella, respinta di Viviano. Corta e centrale, pero’: arriva Farago’ e mette dentro per il primo gol della partita. E, per lui, della stagione. Al 18′ pero’ e’ subito pari: Ceppitelli tocca di mano su cross di Fares. Il contatto lo vede il Var: dal dischetto Antenucci spiazza Cragno. E’ un uno a uno abbastanza sensato alla luce di quello che succede dopo: il Cagliari non trova sbocchi nel 3-5-2 di Semplici. E gli ospiti controllano e giocano sulle ripartenze. Senza creare pero’ grandi pericoli. E piu’ o meno va cosi anche nella ripresa.

Leggi anche:
Di Biagio addio U.21: "Colpa mia ma non è fallimento"

Cagliari molto impreciso nella manovra e poco presente davanti a Viviano. Ma e’ anche merito della Spal che in mezzo al campo e’ attentissimo e non lascia ragionare Cigarini e Barella. Pero’ a un certo punto il Cagliari inizia ad andare piu’ veloce. E lo fa bene: al 12′ e’ Viviano a salvare la Spal su conclusione a botta sicura di Barella. Ma al 15′, su cross di Cigarini, il Cagliari passa: Ceppitelli di testa prende la traversa e sulla respinta del legno Pavoletti, ancora di testa, segna. Un minuto piu’ tardi la traversa trema ancora su testa di Ionita: la palla rimbalza sulla linea, nessun segnale sull’orologio dell’arbitro. E allora Semplici fa entrare Petagna e cambia modulo: 4-3-3. Il bomber rischia di segnare subito: salta tutti, tiro sporcato da Cragno, Cacciatore salva davanti alla linea. Al 36′ gol annullato a Pavoletti per fallo su Viviano dopo un palo in mischia di Cacciatore. Poi il Cagliari gestisce. Ed e’ due a uno finale.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti