Istat, giovani sempre più disoccupati

28 maggio 2014

I giovani sono i più colpiti dalla crisi: i 15-34enni occupati diminuiscono, fra il 2008 e il 2013, di 1 milione 803.000 unità, mentre i disoccupati e le forze di lavoro potenziali crescono rispettivamente di 639.000 e 141.000 unità. E’ quanto rileva l’Istat nel Rapporto annuale 2014. Il tasso di occupazione 15-34 anni scende dal 50,4% del 2008 all’attuale 40,2%, mentre cresce la percentuale di disoccupati (da 6,7% a 12%), studenti (da 27,9% a 30,7%) e forze di lavoro potenziali (da 6,8% a 8,3%). 
Le differenze di genere sono importanti: il tasso di occupazione è al 34,7% tra le donne e raggiunge il 45,5% tra gli uomini. Anche i divari territoriali sono marcati: al Nord il tasso di occupazione è pari al 50,1% (-12,1 punti percentuali dal 2008), contro il 43,7% del Centro (-10,4 punti) e il 27,6% del Mezzogiorno (-8,4 punti).

Le differenze territoriali sono importanti anche per le quote di disoccupati (15,3% nel Mezzogiorno contro 9,3% nel Nord) e di forze di lavoro potenziali (14,3% contro 4%). Sempre nel Mezzogiorno è leggermente più elevata la quota di studenti (32%, contro il 31,4% del Centro e il 29,3% del Nord). Tra quanti vivono ancora con i genitori, la percentuale di disoccupati e forze di lavoro potenziali diminuisce al crescere del titolo di studio dei genitori (12,3% tra i figli di laureati e 37,7% tra i figli di genitori con al più la licenza elementare).
La crisi spinge quindi i giovani a lasciare l’Italia. Nel 2012, rileva l’Istat, oltre 26.000 italiani di 15-34 anni hanno lasciato il Paese, 10.000 in più rispetto al 2008, meno di quanti ne sono rientrati. Il flusso di uscita dei laureati è di 6.340 unità, con un saldo di -4.180 unità. Le mete di destinazione privilegiate sono Regno Unito, Germania (circa 900 emigrati in ciascun paese) e Svizzera (726). (TMNews)

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Alitalia, firmato nuovo accordo di Cigs per 830 addetti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti