Pd, l’affondo di Damiano su primarie Agrigento. Toccato il fondo, ora albo elettori

Pd, l’affondo di Damiano su primarie Agrigento. Toccato il fondo, ora albo elettori
26 marzo 2015

“Dopo il caso delle primarie di Agrigento, nelle quali avrebbe vinto addirittura un candidato simpatizzante di Forza Italia, abbiamo toccato il fondo”. Lo dichiara Cesare Damiano, deputato del Partito Democratico. “L’assenza di regole per la partecipazione dei cittadini al voto – spiega Damiano – sta provocando, in numerose situazioni, situazioni paradossali. Chiudere le stalle quando i buoi sono scappati è impossibile”. “Da questo – continua il deputato democratico – deriva la nostra insistenza sulla necessità di avere un albo degli elettori del Pd o del centrosinistra o primarie per legge”. “Speriamo che si faccia immediata chiarezza su questo nuovo caso imbarazzante”, conclude Damiano.

Intanto, il segretario siciliano del Pd, Fausto Raciti, ha convocato lo stato maggiore del Pd di Agrigento per discutere della situazione politica che si è creata proprio dopo le primarie nella città dei templi. La riunione è prevista per sabato prossimo. Raciti ha più volte manifestato irritazione per alcune posizioni assunte dal vincitore delle primarie Silvio Alessi, patron della squadra di calcio dell’Akragas e vicino al vice coordinatore siciliano di Forza Italia, Riccardo Gallo Afflitto, ma anche per alcune dichiarazioni di esponenti locali del centrosinistra. Il cartello ‘Agrigento 2020’ vede insieme Pd, esponenti di Fi, autonomisti, Pdr, Megafono, Sicilia democratica. Al vertice sono stati convocati i dirigenti democratici Agrigento.

Leggi anche:
Voto in Calabria, Talarico si riprensa: correrò da civico con Pd
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti